strani pesci blobfish

Strani pesci scoperti negli abissi dell’Australia

1626

Squali che brillano nell’oscurità, vermi a forma di arachidi e il blobfish dall’aspetto dispiaciuto non sono mai stati concepiti per vedere la luce del giorno. Eppure sono tra le oltre 100 specie abissali, compresi strani pesci, recentemente raccolte al largo delle coste australiane, in una missione per identificare gli animali che vivono in habitat sottomarini poco esplorati.

Strani pesci e nuove specie scoperti da una ricerca negli abissi australiani

Nel 2017 la nave da ricerca Investigator ha attraversato l’abisso dell’Australia orientale dalla Tasmania al Queensland per un mese, mappando e campionando il fondale marino a profondità fino a quasi 5 chilometri – più di 100 volte la profondità che abbia mai raggiunto qualsiasi subacqueo.

Utilizzando reti speciali, slitte e altri dispositivi, il team di ricerca ha raccolto oltre 42.700 esemplari di pesci e invertebrati, che rappresentano più di 100 tipi di animali, incluse nuove specie di strani pesci.

Questo mese, gli scienziati si sono riuniti presso la CSIRO Australian National Fish Collection a Hobart, in Tasmania, per esaminare e identificare ciò che è stato raccolto durante il viaggio “Sampling the Abyss”.

“Per noi a bordo, è stato un vero privilegio vedere questi pesci incredibili emergere dalle reti, e non vediamo l’ora di dargli un’occhiata più da vicino”, ha detto in una nota del CSIRO l’ittiologa dei musei Victoria Martin Gomon.

Strani pesci emersi dagli abissi

Le condizioni estreme degli abissi – temperature appena sopra lo zero, pressione schiacciante e scarsa luce e cibo – producono alcune strane creature. Tra le scoperte più interessanti del viaggio c’era un “pesce senza volto” raccolto a circa 4 chilometri sotto la superficie marina. Questa creatura non era stata vista dal 1870, quando l’unico altro esemplare fu dragato al largo delle coste della Papua Nuova Guinea.

I ricercatori hanno anche raccolto un Bathymicrops brevyanalis, che ha pinne corte e sottili e piccoli occhi rudimentali. Hanno trovato i predatori pesci lucertola ermafroditi e pensano che potrebbero avere pescato alcuni cugini del blobfish gelatinoso (Psychrolutes marcidus), che è stato soprannominato l’animale più brutto del mondo.

L’abisso è l’habitat più grande e più profondo del pianeta, copre metà degli oceani del mondo e un terzo del territorio dell’Australia, ma rimane l’ambiente più inesplorato sulla Terra“, ha dichiarato Alastair Graham, direttore dell’Australian National Fish Collection. “L’indagine ha raccolto alcune specie molto rare e inusuali e rappresenta una delle più approfondite raccolte di pesci provenienti dalle acque australiane.”

Obiettivo della missione “Sampling the Abyss”

I ricercatori coinvolti nel progetto hanno affermato che un altro obiettivo della ricerca è capire come gli umani potrebbero influenzare questi ambienti remoti.

“Non c’è stata una giornata in mare in cui non abbiamo tirato fuori della spazzatura dal fondo marino – lattine, bottiglie, plastica, corda, lenza da pesca“, ha scritto poco dopo il viaggio il capo spedizione Tim O’Hara, senior curator della sezione invertebrati marini ai Museums Victoria. “Ci sono anche vecchi detriti di navi a vapore, come carbone non bruciato e pezzi di clinker, che sembra roccia fusa, formata nelle caldaie”.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*