Realizzazione scarico acquario

Realizzazione scarico acquario

839

In questo articolo spiegherò come realizzare uno scarico che permetta, tra le altre cose, di sfruttare l’acqua in caduta per alimentare alcuni apparecchi, che diversamente richiederebbero una pompa dedicata o una deviazione sulla risalita.

Il sistema si basa su 2 scarichi (entrambi posti nel pozzetto di tracimazione) :

Il primo da 35 mm, è il classico scarico a sfioro munito di Durso, per mantenere l’acqua nel pozzetto ad un certo livello. Il secondo da 30mm, invece, preleva l’acqua alla base del pozzetto in modo da farla giungere, senza bolle d’aria e con una certa pressione, alla parte tecnica (nel mio caso Schiumatoio e Reattore di calcio).

La seconda discesa che si può chiamare “di servizio” è realizzata in PVC e nello stesso materiale sono realizzati i rubinetti ed il tappo a vite che serve a chiudere inferiormente il sistema ( ho preferito usare un tappo a vite in modo da poterlo togliere nel caso un pesce saltando nel pozzetto decida poi di finire i suoi giorni nel tubo).

Perché il sistema funzioni correttamente occorre solamente che la risalita mandi in vasca una quantità d’acqua superiore a quanta ne scenda dalla “discesa di servizio”, questo sovrappiù scenderà dallo scarico normale mantenendo costante il livello dell’acqua nel pozzetto.


I vantaggi del sistema sono:

1) Lo scarico “normale” è molto più silenzioso dovendo trattare meno acqua.

2) Si possono eliminare dalla sump una o più pompe per alimentare la parte tecnica, con un discreto risparmio di Watt, calore e rumore.

3) Lo schiumatoio (un modello a doppia pompa ovviamente) lavora meglio perché, alimentato in questo modo, tratta solo acqua “nuova”.

Questo è lo schema che ho adottato e che funziona da oramai due anni nella mia vasca, ma nel caso di vasche più grandi e con una risalita più potente, nulla vieta, aggiungendo rubinetti e magari aumentando il diametro della discesa, di alimentare, per esempio, anche un filtro a letto fluido e/o un refrigeratore.

Sicurezza:
Perché il sistema sia sicuro, in caso di Black Out, occorre che lo scarico sia posizionato all’interno del pozzetto di tracimazione e che lo stesso riceva l’acqua della vasca solo dall’alto.

Materiale:
Non è possibile fare un elenco completo dei materiali occorrenti per la realizzazione, in quanto ognuno dovrà adeguare le misure ed il numero dei componenti in base alle proprie esigenze.

Il linea di massima non potrete fare a meno del Tangit (collante per PVC) e del Teflon per le parti da avvitare.

Potrete, nel caso preferiate un sistema più “flessibile”, sostituire il discendente in PVC con uno in silicone e, tramite un portatubo, fare in PVC solo la parte dei rubinetti.
Insomma potrete sbizzarrirvi come volete.

Consigli:

Per quanto riguarda lo skimmer controllate che la prevalenza che avete (differenza tra l’altezza dell’acqua nel pozzetto e la base dello schiumatolo) non sia inferiore a quella della pompa di alimentazione consigliata.

Nel calcolare il margine di sicurezza del livello dell’acqua nella sump in caso di mancanza di corrente, tenete conto anche dell’acqua presente nel pozzetto di tracimazione.
Sembra poca ma non lo è.

Ceriantus

Questo progetto è stato discusso sul forum di Acquaportal raggiungibile tramite questo LINK.


ATTENZIONE!

Negli articoli dedicati al fai da te vengono descritte esperienze di appassionati italiani che vogliono, unicamente a titolo dimostrativo, mostrarci e renderci partecipi dei loro risultati nella costruzione artigianale di accessori di acquariofilia.
Ricordiamo che molti progetti avendo a che fare con impianti elettrici e l’utilizzo di macchinari e strumenti di lavoro possono essere pericolosi, e che le modifiche apportate ad accessori già esistenti, rendono l’accessorio non più a norme CE e pertanto con la garanzia non più valida.
Nel caso qualcuno volesse ugualmente cimentarsi nella realizzazione di questi progetti, sia Acquaportal sia gli autori del progetto stesso non si assumono in alcun modo responsabilità in caso di incidenti o guasti di qualsiasi tipo essi siano. Nel caso di realizzazione ricordiamo infine che alcune lavorazioni necessitano di strumenti di protezione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*