microplastiche

Microplastiche trovate nel 73% dei pesci abissali

940

Le microplastiche possono essere trovate ovunque, anche nello stomaco di creature che vivono sott’acqua.

Lo studio della NUI di Galway

Gli scienziati marini della National University of Ireland (NUI) di Galway hanno trovato pezzetti di plastica nel 73% dei 233 pesci di acque profonde raccolte nell’Oceano Atlantico nordoccidentale. Questa è una delle più alte percentuali di microplastiche nei pesci mai registrate in tutto il mondo.

Per lo studio, pubblicato lunedì sulla rivista Frontiers in Marine Science, gli scienziati hanno ispezionato il contenuto dello stomaco di pesci morti di acque profonde prelevati dall’Oceano Atlantico nordoccidentale.

I pesci campionati, tra cui varie specie di pesce lanterna, lampanyctus, serrivomer e stomias boa, sono stati prelevati da profondità fino a 600 metri.

Anche se la plastica si trova solitamente sulla superficie dell’oceano, questi pesci sono stati in grado di inghiottirla comunque.

“I pesci di acque profonde migrano in superficie di notte per nutrirsi di plancton (animali microscopici) e questo rende probabile l’esposizione alla plastica”, spiega Alina Wieczorek, autrice principale dello studio e dottore di ricerca della Scuola di scienze naturali e Ryan Institute alla NUI di Galway.

“A uno dei pesci che sono stati esaminati, un pesce lanterna lungo meno di 5 cm, sono state estratte 13 microplastiche dallo stomaco”, ha sottolineato la Wieczorek.

“In totale, sono stati esaminati 233 pesci e il 73% di essi ha microplastiche nello stomaco, rendendola una delle più alte percentuali conosciute di presenza di microplastiche nei pesci in tutto il mondo”, ha detto.

I pesci sono stati prelevati da un vortice a nucleo caldo, che è simile ai vortici oceanici che si ritiene accumulino microplastiche. Il pesce campionato può essere originario di una zona particolarmente inquinata dell’Oceano Atlantico.

“Questo spiegherebbe perché abbiamo registrato una delle più grandi quantità di microplastiche nei pesci finora, e abbiamo in programma di indagare ulteriormente gli impatti delle microplastiche sugli organismi in mare aperto”, ha aggiunto Wieczorek.

Da dove provengono le microplastiche ingerite dai pesci?

Le microplastiche identificate erano per lo più microfibre, in maggioranza di colore nero e blu. Questi piccoli fili di plastica si staccano dai tessuti sintetici di uso comune come poliestere, rayon e nylon. Una volta lavati, le microfibre di plastica si staccano e una singola giacca può produrre fino a 250.000 fibre negli scarichi della lavatrice.

Le microplastiche possono contenere additivi come coloranti e ritardanti di fiamma e/o inquinanti assorbiti sulle particelle dal mare, sottolinea il comunicato stampa relativo allo studio. L’ingestione di tali sostanze può causare danni fisici interni agli animali: ad esempio, infiammazione dell’intestino, riduzione dell’alimentazione e altri effetti. Le microplastiche ingerite possono anche risalire la catena alimentare.

“Mentre è chiaramente preoccupante che l’ingestione di microplastiche con tossine associate possa avere effetti dannosi su questi pesci, o persino sui pesci che si nutrono di essi, il nostro studio evidenzia che questi pesci apparentemente lontani, che si trovano a migliaia di chilometri dalla terraferma e alla profondità di 600 metri nel nostro oceano, non sono insolati dal nostro inquinamento “, ha detto il dott. Tom Doyle, co-autore dello studio del Ryan Institute della NUI di Galway.

“In effetti, è preoccupante pensare che le nostre attività quotidiane, come lavare i nostri vestiti sintetici nelle nostre lavatrici, producano miliardi di microplastiche, che entrano negli oceani attraverso la nostra corrente di acque reflue e che alla fine potrebbero essere ingerite da pesci di acque profonde.”




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*