Le vacanze per un acquariofilo: alimentazione in nostra assenza.

294

Le vacanze sono il periodo migliore e tanto agoniato dell’anno ma avere degli animali domestici obbliga il proprietario a prendersene cura, anche durante le vacanze e anche quando vorresti viaggiare.

Alcuni animali domestici come cani, gatti, conigli o roditori possono essere portati in vacanza con noi e fortunatamente molte strutture ormai sono adeguate e pet friendly, purtroppo questo però non è possibile con pesci ornamentali.

Questo non significa però che un acquariofilo debba rinunciare alle vacanze o ai viaggi!

La cura dell’acquario durante le vacanze

Fare una lista delle cose da fare è la soluzione migliore per evitare di dimenticare qualcosa.

Seguendo alcune indicazioni generali, i tuoi pesci saranno curati in modo ottimale anche durante la tua assenza, quindi almeno una settimana prima di partire:

  • fai un test dell’acqua e fai un cambio parziale dell’acqua (circa il 30%)
  • controlla il filtro ma non pulire o cambiare le spugne del filtro immediatamente prima di partire per le vacanze dato che un’esplosione batterica in tua assenza è ovviamente da evitare
  • Verifica che tutti i pesci siano in salute prima di partire

Puoi trovare altre utili raccomandazioni per la manutenzione dell’acquario in caso di vacanza nel nostro articolo di approfondimento.

Come alimentare i pesci durante le vacanze

In base alla durata della vacanza, ci sono diverse soluzioni:

  • vacanza breve tipo week-end, ma anche fino a 4 giorni: i pesci possono sopravvivere senza alcun intervento.
  • vacanza media fino a 2 o 3 settimane: è possibile usare una mangiatoia automatica o delle apposite pastiglie
  • Vacanza più lunga: chiamate un amico o una ditta specializzata in manutenzione degli acquari

La vacanza media di un paio di settimana è quella che di solito va per la maggiore, vediamo quindi alcuni prodotti che possono aiutarci a goderci le vacanze in serenità.

Mangiatoie automatiche

Usare una mangiatoria automatica come la Tetra myFeeder consente di nutrire i pesci dell’acquario in modo mirato e personalizzato anche durante la propria assenza. Il distributore automatico somministra con precisione la quantità di cibo impostata e il display digitale consente di programmare fino a tre somministrazioni di cibo al giorno, a uno o due intervalli.

E’ preferibile utilizzare un mangime in granuli con le mangiatoie automatiche per evitare che il cibo con l’umidità possa incollarsi anche se i migliori modelli hanno ora un sistema con doppio involucro per proteggere il cibo dagli agenti esterni come luce, aria e umidità.

Pastiglie di cibo per le vacanze

Esistono in commercio diversi blocchi di cibo per pesci a lento rilascio: l’utilizzo è molto semplice, infatti basta semplicemente mettere il blocco in acquario e sarà disponibile per i pesci. Consigliamo però di fare alcune prove prima della vacanza.

Questi blocchi esistono principalmente in 2 tipologie: quelli che si sciolgono lentamente nell’acqua e quelli con una innovativa formulazione in gel come il Tetra Holiday  o la novità di quest’anno, il Tetra Holiday Menu che ha in più gamberetti e pellet oltre le dapnie che sono presenti in entrambe le versioni.

A differenza di altri alimenti in blocchi, questi in gel non si sciolgono da soli in acqua, mantenendo la loro consistenza nel tempo al punto che anche dopo diversi giorni possono essere rimossi senza lasciare residui con un semplice retino. Questo sicuramente aiuta sia a mantenere inalterate le caratteristiche dell’acqua, non aumentando in modo significativo gli inquinanti, sia a garantire l’appetibilità del prodotto nel tempo.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*