quanto tempo richiede un acquario

Quanto tempo richiede un acquario?

1073

Come ogni altro hobby, l’acquariofilia richiede una certa quantità di tempo ogni settimana. È importante capire quanto tempo richiede un acquario, prima di decidere le specie di pesci che si desidera tenere e le dimensioni dell’acquario.

Se stessi iniziando a giocare a golf o a dedicarti al giardinaggio, ti concederesti tanto tempo quanto basta per coltivare sul serio quell’hobby.

L’acquariofilia non è diversa.

È inutile comprare specie esotiche se hai solo pochi minuti a settimana da dedicare alla loro cura.

Questo articolo esaminerà le diverse fasi della gestione dei pesci e quanto tempo dedicare ad ogni fase; dalla ricerca all’installazione, al ciclo dell’azoto, per mantenere e nutrire i tuoi pesci.

Informarsi sui pesci

Questa fase richiederà molto più tempo di quanto la maggior parte delle persone possa immaginare.

Prima di tutto, dovrai decidere se vuoi un’acquario marino o d’acqua dolce. La maggior parte dei principianti tende a optare per un acquario di acqua dolce, in quanto sono generalmente più facili da mantenere e il pesce è solitamente più resistenti.

Qualunque tipologia tu decida di installare, entrambi richiedono molto tempo nella fase di ricerca.

Ci sono una grande quantità di opzioni tra cui scegliere, e spesso nei negozi di animali non hanno l’esperienza o il tempo per spiegare i dettagli.

Ecco perché ti consigliamo di andare in un negozio specializzato in pesci e di fare la maggior parte delle tue ricerche online.

Innanzitutto, dovrai cercare il tipo di pesce che vuoi conservare e quindi il tipo e la dimensione del tuo acquario.

Avrai bisogno di conoscere le condizioni dell’acqua e l’ecosistema che un particolare tipo di pesce richiede. Vuoi un acquario semplice o un acquario di barriera? Ci sono così tante domande a cui rispondere e l’unico modo per farlo è darsi una mossa e iniziare le ricerche.

Decidere di creare un acquario per pesci non è certo qualcosa che dovrebbe essere deciso in tutta fretta. Questa fase richiederà settimane, forse mesi per imparare abbastanza sul mantenimento dei pesci e, in particolare, sulle specie che si desidera mantenere.

Acquisto e configurazione dell’acquario

Quando parliamo dell’acquisto di acquari, molte persone pensano che, in quanto principianti, dovrebbero iniziare con un piccolo acquario.

Questa è probabilmente una delle peggiori supposizioni che si possa fare. Le condizioni dell’acqua in acquari piccoli sono molto più difficili da mantenere stabili.

Dovresti scegliere un acquario più grande, che può contenere un grande volume d’acqua, poiché è più facile mantenerlo stabile; sorprendentemente, inoltre, impiegheresti meno tempo a preoccuparti della manutenzione e dei cambi d’acqua con un acquario più grande.

Quando hai deciso quali pesci vuoi, le dimensioni dell’acquario e i requisiti delle attrezzature, avrai bisogno di acquistare il tuo acquario e dedicare del tempo a configurarlo.

Questo può richiedere da poche ore a un giorno, a seconda delle dimensioni e del tipo di acquario scelto.

Ad esempio, un acquario d’acqua dolce richiede semplicemente che tu imposti il ​​supporto e l’acquario nel luogo prescelto, aggiungi ghiaia e acqua, quindi aggiungi il filtro e il riscaldatore (se ne hai bisogno).

Un acquario marino può richiedere fino a una settimana per prepararlo, in base a ciò che si aggiunge. Il motivo per cui la maggior parte degli acquari d’acqua salata richiede più tempo per l’installazione è perché dovrai preparare l’acqua prima di aggiungerla, installare la coppa (se l’acquario ne richiede uno) e il filtro più il riscaldamento.

Dovrai quindi controllare l’acquario (per perdite, ecc.) e accertarti che tutta l’attrezzatura funzioni.

A seconda di ciò che si aggiunge all’acquario, in termini di roccia viva e sabbia, avrai anche bisogno di dare il tempo all’acqua della vasca di pulirsi con filtri e pompe in funzione; questo può richiedere fino a un paio di giorni.

Solo perché hai impostato il tuo acquario non significa che puoi iniziare a riempirlo di pesci subito; mettere troppi pesci troppo presto o riempire troppo l’acquario è uno dei più grandi errori che puoi fare.

È qui che si passa al ciclo dell’azoto.

Ciclo dell’azoto

Attivare il ciclo d’azoto in un acquario, in termini semplici, significa far sì che si accumulino batteri nel tuo filtro per rimuovere le tossine create dai tuoi pesci.

Questo processo può richiedere fino a un paio di mesi.

Per iniziare il processo di ciclo dell’azoto, dovrai aggiungere uno o due pesci piccoli nel tuo acquario per fornire l’ammoniaca necessaria per avviare la moltiplicazione dei batteri.

Dovresti scegliere pesci resistenti e idealmente dovrebbero essere pesci che vuoi includere nel tuo acquario a lungo termine.

Una volta aggiunti i pesci, dovresti lasciargli per un paio di giorni e nutrirli con attenzione, assicurandoti di non nutrirli eccessivamente, perché ciò influirà sull’acqua. Ogni due giorni dovresti fare un cambio d’acqua del 10-15% (acquari da 60-100 litri) e testare l’acqua dopo una settimana; dovrebbero risultare alti livelli di ammoniaca e forse una traccia di nitrito.

La maggior parte dei negozi di pesci lo testerà gratuitamente, se non si dispone del proprio kit di test.

Il processo di ciclo dell’azoto richiede normalmente da sei a otto settimane. Saprai che il processo è finito quando i livelli di nitrito e ammoniaca sono scesi ai livelli necessari.

I test dell’ammoniaca e del nitrito dovrebbero essere a 0 per otto giorni consecutivi prima di poter considerare il ciclo terminato. Saprai quando il tuo acquario ha effettuato il ciclo anche perché il pesce non mostrerà alcun segno di stress da ammoniaca per almeno due settimane.

Quanto tempo richiede un acquario prima di essere pronto per aggiungere dei pesci

Una volta che il tuo acquario ha effettuato il ciclo dell’azoto, puoi iniziare lentamente a introdurre i pesci (a seconda delle dimensioni del tuo acquario).

Il processo di aggiunta di un pesce al tuo acquario può richiedere fino a poche ore.

Avrai bisogno di assicurarti di mantenere il pesce in condizioni di oscurità e di ambientarlo lentamente al suo nuovo habitat. Tieni tutte le luci spente e fai galleggiare il sacchetto non aperto nell’acqua, finché la temperatura dell’acqua nel sacchetto non è uguale a quella dell’acquario. Questa operazione di solito dura circa venti minuti.

Dovresti iniziare lentamente ad aggiungere l’acqua dell’acquario al sacchetto, fino a quando sarà pieno per lo più da acqua dell’acquario; questo dovrebbe richiedere circa un’ora.

Puoi quindi prendere il pesce con una piccola rete e aggiungerlo al serbatoio. Non rovesciare l’acqua dal sacchetto.

Avrai anche bisogno di tempo per osservare il nuovo pesce durante l’ora dopo che è stato aggiunto, per verificare che si stia ambientando nel modo giusto, e non sia vittima di bullismo da parte degli altri pesci.

Requisiti di tempo di alimentazione

Come la maggior parte delle cose che copre questo articolo, il tempo che trascorrerai per nutrire i tuoi pesci dipende interamente dalle specie che tieni e da quante.

Ciò che vale per la maggior parte dei pesci è che avranno bisogno di una o due sessioni di alimentazione al giorno, ciascuna della durata di circa 5 minuti.

È molto importante assicurarsi che non rimanga cibo nell’acquario alla fine della sessione di alimentazione, perché quando il cibo si sfalda, questo influirà sull’acqua.

Quando inizi a tenere dei pesci, dovresti provare diverse quantità, fino a trovare quella giusta; questo ovviamente richiederà più tempo all’inizio, ma non appena saprai quanto cibo richiederanno, ci vorranno solo 5-10 minuti al giorno.

Puoi anche scegliere di creare il tuo cibo per pesci, che si aggiungerà al tempo necessario per curare i tuoi pesci. Tuttavia ci sono molti benefici nel preparare il tuo cibo: il migliore è che puoi fornire ai tuoi pesci le sostanze nutritive esatte di cui hanno bisogno.

Tempistiche di manutenzione

Forse uno dei maggiori requisiti di tempo per nell’avere un acquario è l’aspetto della manutenzione. Avrai bisogno di tempo per il tuo programma di manutenzione per:

Testare l’acqua

Le tue condizioni dell’acqua sono la base per mantenere sani i tuoi pesci. Qualsiasi malattia o problema può essere di solito ricondotto a condizioni di acqua non corrette.

Dovresti testare l’equilibrio del pH dell’acqua una volta al mese. Il pH dovrebbe rimanere il più stabile possibile; anche un piccolo cambiamento improvviso può causare stress nei pesci, che alla fine può ucciderli. Dovresti anche testare l’acqua per l’ammoniaca una volta al mese: è estremamente tossica per i pesci e dovrebbe essere trattata rapidamente.

I livelli di ammoniaca si possono alzare se riempi troppo l’acquario o non si effettuano regolarmente cambi d’acqua.

Anche i livelli di nitriti e nitrati devono essere controllati mensilmente.

Cambiare l’acqua

Ci sono varie scuole di pensiero tra acquariofili su quanto spesso e quanta acqua devi cambiare nel tuo acquario e questo varia anche a seconda delle dimensioni.

Come regola generale, dovresti cambiare il 10-15% litri dell’acqua ogni settimana.

Questo non dovrebbe essere un processo lungo. Devi semplicemente rimuovere il 10-15% dell’acqua e sostituirla.

Se hai la ghiaia, dovrai pulire anche quella.

Durante il cambio d’acqua, puoi eliminare le alghe. Per quanto riguarda la pulizia delle decorazioni, questo non è necessaria, crea solo lavoro inutile.

I batteri che si accumulano sulle tue decorazioni sono molto probabilmente benefici per il filtro biologico e, pulendole, ucciderai i batteri buoni.

L’intero processo dovrebbe durare da mezz’ora a un’ora, a seconda delle dimensioni dell’acquario.

Questo consiglio vale per gli acquari medi da 50-120 litri; i cambi d’acqua per i piccoli acquari sono in realtà molto più lunghi. Quelli piccoli richiedono almeno due cambi d’acqua del 50% a settimana, per mantenere stabili le condizioni dell’acqua.

Controllo dell’attrezzatura

Avrai bisogno di dedicare del tempo a controllare regolarmente la tua attrezzatura.

Per pulire le spugne del tuo filtro, dovresti sciacquarle nell’acqua che hai rimosso dall’acquario, piuttosto che sotto il rubinetto.

La pulizia di qualsiasi attrezzatura per l’acquario sotto l’acqua del rubinetto può uccidere i batteri necessari per mantenere in salute i pesci.

Tieni d’occhio i tuoi riscaldatori; se smettono di funzionare correttamente, la temperatura può cambiare rapidamente, portando alla perdita dei pesci. Se hai un filtro sotto la ghiaia, dovrai stare molto dietro al tuo acquario. Dovresti usare un aspirapolvere a sifone ogni una o due settimane.

Fattori di tempo imprevisti

Potresti scoprire che hai bisogno di dedicare più tempo alla cura dei tuoi pesci durante eventi imprevisti e non pianificati come malattie o bullismo.

Entrambi questi eventi possono obbligarti a isolare dei pesci.

Se hai bisogno di mettere dei pesci in isolamento, avrai bisogno di un acquario separato, che richiederà tempo per essere impostato e per trasferire i pesci.

In alcuni casi, i tuoi pesci potrebbero aver bisogno di farmaci; tuttavia, questi dovrebbero essere usati solo in alcune circostanze. Anche la somministrazione di farmaci richiederà tempo, che varierà in base alla gravità dell’infezione o della malattia.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*