pesce misterioso kapiti

Pesce misterioso confonde gli esperti

1112

Un pesce misterioso ripreso da un sub nella Riserva Marina di Kapiti ha confuso sia esperti scienziati marini della Nuova Zelanda, sia quelli esteri.

Il pesce misterioso ripreso a Kapiti (Nuova Zelanda)

Il subacqueo Ben Knight, che è anche presidente della Guardians of Kapiti Marine Reserve, ha dichiarato: “Ero fuori a fare snorkeling nella riserva marina e ho notato quello che pensavo fosse un piccolo moki rosso giovane con insolite strisce di colore.”

“Ero curioso di saperne di più su questo pesce, quindi ho fatto un breve video e l’ho condiviso con il nostro gruppo di Guardiani di Facebook.

“Abbiamo un certo numero di esperti di pesci marini all’interno del gruppo ed erano tutti entusiasti di vedere il video.”

Pesce misterioso: le ipotesi degli esperti

“Si è scoperto che non si tratta di un moki rosso o di qualsiasi altro pesce della Nuova Zelanda, e che potrebbe essere una specie precedentemente non identificata, il che è piuttosto eccitante.”

Una serie di scienziati marini nazionali e internazionali hanno esaminato il filmato e identificato provvisoriamente il pesce come un membro della famiglia dei cheilodactylidae, che è un gruppo di pesci comunemente noti come morwong, che include pesci locali comuni come il moki rosso (Cheilodactylus spectabilis) e tarakihi (Nemadactylus macropterus).

Circa 20 specie di morwong sono conosciute nelle acque dell’oceano Atlantico meridionale, Indiano e del Pacifico, tuttavia il la colorazione dell’esemplare di Kapiti è diversa e non corrisponde a nessuna delle specie conosciute.

“Alcuni esperti hanno suggerito che il pesce misterioso potrebbe essere un ibrido tra il tarakihi e il moki rosso, tuttavia altri ritengono che sia improbabile.”

“Nessun ibrido tra questi pesci, che sono classificati in generi separati, è mai stato registrato.”

pesce misterioso kapiti 2

Credits: Ben Knight

Pesce misterioso: risultato di un’ibridazione?

Clinton Duffy del Department of Conservation ha supportato la teoria dell’ibrido moki rosso-tarakihi basato sulla colorazione e sulla forma del corpo del pesce.

“L’ibridazione è un fenomeno relativamente noto nelle specie terrestri ed è sempre più riconosciuto nei pesci marini, anche negli squali.”

“Questa scoperta è un ottimo esempio di come la vita nel mondo sottomarino regali ancora molte sorprese, anche per gli scienziati.”

Il pesce misterioso potrebbe provenire dall’Oceano Indiano

Il tassonomo in pensione e guardiano della riserva marina Kapiti Chris Paulin pensava che il pesce rappresentasse una specie esotica sconosciuta, mai scoperta prima, che era probabilmente arrivata nelle acque della Nuova Zelanda di recente e che era sopravvissuta a causa delle temperature insolitamente alte del mare quest’estate.

Credeva che le sue origini potessero trovarsi in una montagna sottomarina mai esplorata nell’Oceano Indiano.

“Le specie esotiche di acque subtropicali e temperate si presentano frequentemente nelle acque della Nuova Zelanda.”

“Molti hanno stadi larvali pelagici, che si spostano fino a un anno nelle correnti oceaniche o sono trasportati nell’acqua di zavorra delle navi.”

“L’afflusso di specie subtropicali spesso si osserva a seguito di cicloni che spingono grandi volumi di acqua superficiale, trasportando le larve a sud, in Nuova Zelanda.”

Ci sono già più di 150 specie marine esotiche nelle acque costiere della Nuova Zelanda e almeno una nuova specie arriva ogni anno secondo un rapporto NIWA.”

“Se le condizioni sono adatte, molte di queste specie sono in grado di sopravvivere in Nuova Zelanda e crescere fino alle dimensioni da adulti, ma non si riproducono nell’acqua più fredda.”

Il pesce misterioso sottolinea la biodiversità della Riserva marina di Kapiti

“Sarebbe bello se i subacquei e i pescatori locali potessero tenere d’occhio altri esemplari simili al di fuori della riserva, che potrebbero essere raccolti per studi più dettagliati e analisi genetiche, per determinare l’identità del pesce misterioso.”

Qualunque sia l’identità del pesce, Knight ha detto che l’avvistamento ha evidenziato i valori di biodiversità che la Riserva marina di Kapiti protegge e l’importante ruolo delle riserve marine nel fornire una “linea di base” di habitat e specie incontaminate, rispetto ai quali si possono misurare i cambiamenti derivanti dalle influenze ambientali.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*