L’ acquario di Massimo Corvaglia

568
La vasca
La vasca e’ un 160x60x60 120mm autocostruita come tutte le vasche da me fatte in precedenza, senza tiranti se non alla base, e’ provvista di sump Elos 500M, supporto Elos 160 x 80 x 60 l’ho avviata un mese fa sostituendo la vecchia vasca 150x50x60.

Att.ne il cambio vasca e’ avvenuto esclusivamente in 16h. senza maturazione del nuovo se non facendolo girare tre giorni con acqua dolce per lavare bene la vasca, notare però che l’altra vasca girava ormai da 9 anni, le rocce vive erano stupendamente ricoperte di alghe calcaree rosse.
L’unica aggiunta a parte alcune acropore e’ stata una trentina di Kg di rocce vive ( quelle piu’ chiare in aggiunta a quelle vecchie e visibili in foto )e 6 kg di sabbia corallina visto le dimensioni maggiori della nuova vasca.
Valori dell’acqua
I valori, tenuti subito sotto stretto controllo, sono sempre stati ottimali, NESSUN PICCO o innalzamento :
MG 1400
PH 8,00 – 8,30
KH 15
CA 500- 520
PO4 00,1
NO2 – non rilevabili
NO3- 5mg

Attrezzatura
2 lampade HQI 250W 8-9 h h al giorno + 2 super attiniche per 14 h.
Moon light della Elos si accende alle 23,00 e si spegne verso le 04,00 del mattino.
Reattore di calcio Deltec AP 600 collegato ad un PHmetro Dupla ma con sonda in sump.

La sump con lo schiumatoio Deltec APF 600 ed il Reattore KW Deltec KM 500.

Reattore KW Deltec KM 500 funzionante con osmocontroller Elos collegato ad una dosometrica IKS situato nella vasca di ripristina da 35 L.

Il Reattore di calcio Deltec AP 600 ed il Refrigeratore Teco ra 240.

Pompa di risalita dalla sump in vasca Eheim 1060
Refrigeratore Teco ra 240 ( fara’ forse un po’ di fatica a mantenermi i 26° in estate visto che andava bene per la vasca precedente )
Schiumatoio Deltec APF 600


Particolare del bicchiere dello schiumatoio e della Caulerpa allevata nella sump.

Movimento dell’acqua
1 pompa turbelle stream 6100
2 turbelle elettroniche 7200
Il tutto comandato dal multicontroller 7094 sempre della Tunze.

   
Particolare del reattore di calcio del refrigeratore e dell’impianto di CO2.

Dal tre mesi circa ho iniziato, anche se un po’ titubante con il metodo Zeovit, i vantaggi fino ad ora ,sembrano solo nella colorazione ritrovata da alcune acropore. Mi riserverò più avanti di fornire notizie a riguardo.

Integrazioni:non ho mai aggiunto oligoelementi faccio da sempre un cambio di una trentina di litri alla settimana con dell’ ottimo sale.

 

 

 

Crostacei
4 Rynchocinetes
2 Lysmata Debellius
10 Lysmata Wurdemanni
2 Himenocera
2 Lybia Tassellata introdotti con rocce vive
2 Stenopus Hispidus

 

 

 

Pesci
1 Zebrasoma Flavecens
15 Chromis Virdis
3 Paracanthurus Hepatus
2 Amphiprion Ocellaris
1 Chrysiptera Parasema
1 Acanthurus Leucosternon
1 Amphiprion Percula
2 Nemateleotris Magnifica
1 Oxycirrhites Typus
2 Synchiropus Splendidus
4 Valenciennea Puellaris
3 labridi
altri non specificati

Molluschi e bivalve
4 Tridacne di cui una Maxima e tre Crocea
4 Lima Scabra
Decine di Turbo che si riproducono da anni

Non posso elencare tutta la microfauna autoctona e inserita nel corso degli anni ma vi assicuro che passo le nottate a controllare la vasca con la pila alla ricerca di novizie.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*