Giornata Mondiale degli Oceani

Giornata Mondiale degli Oceani: “Lotta alla plastica”

360

La Giornata Mondiale degli Oceani vuole sensibilizzare governi e aziende di tutto il mondo a cambiare le proprie politiche ambientali, perché il pianeta affronta una delle più grandi sfide del nostro tempo.

Giornata Mondiale degli Oceani 1

Giornata Mondiale degli Oceani 2018: “Lotta alla plastica”

Per molti di noi è una questione lontana dagli occhi, lontana dal cuore. Ma il mondo ha un disperato bisogno di affrontare ciò che è stato descritto come una delle più grandi sfide ambientali del nostro tempo.

Oggi, 8 giugno, è la Giornata Mondiale degli Oceani e vogliamo collegarla alla Giornata Mondiale dell’Ambiente svoltasi il 5 giugno, il cui tema di quest’anno scelto dal Paese ospitante dell’India è “Beat Plastic Pollution” (Lotta alla plastica).

Gli organizzatori stanno invitando la popolazione globale a considerare come possiamo apportare cambiamenti nella nostra vita quotidiana per ridurre il pesante fardello dell’inquinamento dato dalla plastica nel nostro ambiente naturale, la nostra fauna selvatica e la nostra salute, ed è una questione urgente, dicono.

Cosa possiamo fare concretamente? Usare meno prodotti usa e getta

La cultura dell’usa e getta, presente in gran parte del mondo, significa che l’inquinamento plastico continua a raggiungere livelli insondabili. In totale, il 50% della plastica che usiamo viene scartato dopo un singolo uso.

Ogni anno usiamo fino a 5 trilioni di sacchetti di plastica usa e getta. In media, una persona usa un sacchetto di plastica per soli 12 minuti, ma la stessa borsa impiega 500 anni per decomporsi.

“Passare dalla plastica usa e getta alle alternative sostenibili è un investimento nel futuro a lungo termine del nostro ambiente”, ha affermato Erik Solheim, responsabile di UN Environment. “Il mondo ha bisogno di adottare soluzioni diverse dalla plastica usa e getta.”

Il preoccupante rapporto delle Nazioni Unite sullo stato dell’inquinamento plastico negli oceani

Questo mese la divisione ambientale delle Nazioni Unite ha pubblicato un rapporto che evidenzia i cambiamenti che devono essere implementati in tutto il mondo per rallentare il tasso di inquinamento plastico e allontanarsi dalle materie plastiche monouso. Con una popolazione in continua espansione, il mondo ha prodotto più plastica nell’ultimo decennio rispetto al secolo precedente, secondo le Nazioni Unite.

“Il rapporto intende incoraggiare la società a mettere in discussione il nostro uso corrente della plastica e considerare l’adozione di approcci alternativi, in particolare per quegli articoli che possono essere caratterizzati come progettati per uso singolo, come il packaging”, afferma Peter Kershaw, autore principale del rapporto.
“Gli imballaggi e gli altri oggetti monouso formano una grande percentuale dell’isola di plastica che galleggia nell’oceano”, ha aggiunto.

Il rapporto ha evidenziato una serie di materiali plastici con cui spesso entriamo in contatto – dai contenitori di plastica agli indumenti sintetici, al materiale sfuso che viene spesso utilizzato per proteggere i prodotti fragili durante il trasporto – e li hanno identificati come “principali colpevoli” dei rifiuti di plastica che danneggiano l’ambiente e la fauna marina.

Ogni anno almeno 13 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani. Questo è l’equivalente di un camion della spazzatura pieno ogni minuto e le conseguenze disastrose di questa realtà continuano ad arrivare sulle nostre spiagge.

Durante il fine settimana è stato riferito che una piccola balena pilota maschio è morta nel sud della Thailandia dopo aver ingerito più di 80 buste di plastica. In una storia simile all’inizio dell’anno, i funzionari spagnoli hanno trovato un capodoglio morto che si è spiaggiato con circa 30 kg di plastica nello stomaco.

Mentre la grande isola di rifiuti di plastica che galleggia nell’Oceano Pacifico settentrionale, noto come il Great Pacific Garbage Patch, è sempre più grande (i ricercatori hanno recentemente affermato che era più grande di Francia, Germania e Spagna), anche la consapevolezza del problema dell’inquinamento della plastica è cresciuta.

Giornata Mondiale degli Oceani 2

Quali sono gli interventi messi in atto dai governi dei principali Paesi responsabili dell’inquinamento plastico?

Con il cambiamento dell’atteggiamento globale, industrie e governi di tutto il mondo stanno facendo passi drastici per ridurre la quantità di rifiuti di plastica monouso.

Ad aprile il primo ministro britannico Theresa May ha annunciato che intendeva vietare l’uso commerciale di prodotti in plastica usa e getta come bastoncini di cotone, agitatori per bevande e cannucce di plastica. L’Unione Europea ha proposto questo mese anche il divieto di articoli come cannucce di plastica e posate di plastica.

Gran parte dei cambiamenti in tutto il mondo sono stati influenzati da campagne globali come la Giornata Mondiale dell’Ambiente o della Giornata Mondiale degli Oceani, nonché dagli sforzi dei gruppi ambientalisti di base e dei governi locali per affrontare il problema, spesso per pura necessità.

Molti dei Paesi con un’alta percentuale dell’inquinamento da plastica come il Kenya, l’India, il Canada e l’Australia hanno tutti introdotto divieti di sacchetti di plastica in almeno alcune parti del Paese negli ultimi anni.

È una tendenza che l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Ambiente, UNEP, spera continui a diffondere in tutto il mondo, in particolare verso Paesi come la Cina e l’Indonesia, che sono di gran lunga i peggiori criminali quando si tratta della piaga dell’inquinamento plastico.

Anche perché se non cambieremo i nostri comportamenti, in poco più di 30 anni l’oceano conterrà più materie plastiche, in rapporto al peso, rispetto ai pesci.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*