Plafoniera HQI per nanoreef

Plafoniera HQI per nanoreef

775
Plafoniera HQI per nanoreef

 

Materiale occorrente per la costruzione di una plafoniera HQI adatta ad una vasca dalle dimensioni di circa 45-50 x 35 cm:

-1 faretto Disano mod. punto 1130
-1 barra di ottone preforata
-1 reattore per lampade HQI da 150watt da 1,8A
-1 accenditore per lampade HQI da 150watt da 3,5/4,5 KV
-1 condensatore di rifasamento per lampade HQI da 150watt da 20 microfarad
– colla epossidica bicomponente (come la Milliput)
– viti e utensileria varia
-1 listello di legno spesso 0,5-1 cm largo circa 5 cm e lungo una ventina
– fili elettrici, spine, mammouth e accessori per collegamenti
-1 base di legno di circa 20x20cm di spessore 1 cm

Il faretto Disano modello punto 1130 è nato per ospitare lampade alogene con attacco R7s, mentre noi vogliamo renderlo idoneo ad una lampada HQI con attacco RX7S.

La differenza tra i due attacchi è che la lampada HQI risulta più lunga di quella alogena quindi bisognerà allungare l’attacco.

Plafoniera HQI per nanoreef

Per prima cosa aprire il faretto e togliere il riflettore di alluminio, teniamolo da parte x ora che ci servirà in seguito.

La prima soluzione sarebbe trovare un attacco RX7s; ma in genere è un po’ complicato da trovare.

La seconda soluzione è quella di prendete in mano una sega per metallo e dopo aver smontato l’attacco lampada R7s dalla sua sede, segarlo esattamente in due; così otteniamo i due contatti in ceramica ognuno con metà supporto.

Adesso come potete osservare, l’attacco ha una parte sporgente dalla parte opposta al contatto: è segnata in rosso nel disegno sotto.

Dovete prendere un martello e molto delicatamente rimuoverla in modo da far diventare l’attacco un corpo senza sporgenze.

Una volta spaccata la sporgenza ricoprite per bene la zona con della colla epossidica in modo da isolarlo completamente dalla parte cruentata. State attenti a non coprire con la colla la vite che c’è all’interno (basta forare la colla col cacciavite), appena lo avrete fra le mani sarà tutto più semplice, ve lo assicuro. Fate questo per entrambe le parti dell’attacco e lasciate asciugare per una notte sul calorifero.

Quando asciutti, disponeteli su un piano e prendete la misura esatta di quanto spazio c’è per far sì che la lampada tocchi i due contatti e segnate sul piano i riferimenti per le viti di fissaggio. Così avrete la misura esatta per capire di quanto dovete mantenere distanti i due pezzi e quindi fissate i due pezzi in posizione sul listello di legno spesso con delle viti e relative ghiere di serraggio.

La struttura deve essere immobile, quindi stringere bene.

Adesso avete il nuovo supporto lampada pronto per le lampade RX7s, ricordate che la lampada deve sforzare abbastanza per accendersi correttamente quindi vi consiglio di togliere 1-1,5 mm dalla misura che prendete prima di fissare i due pezzi dell’attacco. Così non avrete problemi in seguito visto che se la lampada non sforza fra i due contatti non riesce a stare accesa.

Adesso procuratevi delle viti più lunghe di quelle che originariamente fissavano l’attacco alla base metallica del faretto. Basta che andate in ferramenta e col calibro ne richiedete di più lunghe. Prendetene 2-3 misure diverse in lunghezza, in modo da poter scegliere con comodo, anche qui….viti e sistema di serraggio ad anello. Lunghezza consigliata di circa 5-6 cm.

Non vi resta che ancorare la basetta di legno al fondo del faretto facendo solo due buchi sopra di essa in corrispondenza dei fori.

Plafoniera HQI per nanoreef

Il tutto deve essere immobile e ben saldo. L’attacco visto che da modificato è più lungo dell’originale starà quasi attaccato da entrambe le parti ai lati del faretto; ecco perchè la colla epossidica: serve per solare l’attacco dal metallo del faretto.

Adesso non vi resta che ricollegare i 2 fili dell’attacco al mammouth del faretto (dovete staccarli per forza quando rimuovete l’attacco originale) e rimontare il riflettore all’interno (per farlo è necessario non avere montata la lampada che consiglio di mettere subito da parte una volta presa la misura della distanza fra gli attacchi: basta un niente e 50 euro di lampada se ne vanno perchè si rompe facilmente).

Sul fondo basta tagliare un poco l’alluminio del riflettore per far sì che questo calzi perfettamente sul fondo e ritorni in posizione. Richiudete ermeticamente il faretto con la lampada montata e avete finito la modifica del faretto che è pronto.

Adesso passiamo ai collegamenti con del filo elettrico che sopporti le alte temperature; chiedete dove comprate gli accessori per accendere la lampada e vi saranno d’aiuto di sicuro.

Montate condensatore e reattore (che è il componente pesantissimo) sulla base di legno e effettuate i collegamenti,.sono molto semplici e basta serrare tutto con cura, ma controllare tutto più volte.


Ricordate che il reattore potete anche metterlo a metri di distanza (cmq 1-1,5 metri vi basta) mentre l’accenditore dovete metterlo a non più di 50 cm dalla lampada (ovviamente non in linea d’aria, 50 cm di filo!!).

Ricordatevi le distanze suggerite sono importanti. Fate una accensione di prova.

Finita la prova per vedere se funziona tutto, fissate il faretto ad una mensola a muro piegando ad U la barra di ottone preforata usando una banale morsa e agganciate ad essa le viti di fissaggio del faretto (quelle che dovrebbero tenere sospeso il faretto ad un muro) e avrete finito. Importante è usare viti adeguate e sempre la ghiera di fissaggio.

Plafoniera HQI per nanoreef

Plafoniera HQI per nanoreef

Per le ventoline di raffreddamento trovate nel disegno sotto lo schema e potete fissarle al bordo vasca con dei supporti vari.

Se montate una sola ventola (suggerimento in inverno 1 sola, d’estate due ventole) dovete solo togliere dal circuito una delle due ventole, e riagganciarla quando le temperature salgono.

Non ci prendiamo responsabilità del lavoro che andrete ad eseguire sotto la vostra sola responsabilità. Ponete particolare attenzione ai collegamenti.

Abbiamo abbondantemente parlato di questa realizzazione sul forum al questo link.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*