L’acquario di Carlo Augugliaro

129

La Vasca

L’acquario è un Rio Juwel 180,che misura 100cm di lunghezza,50cm di altezza e 40cm di profondità,quindi più o meno è 150 litri netti.
Ho avviato la vasca esattamente un anno fa,nel Gennaio 2008,ma a causa di svariati errori dovuti all’inesperienza ed alla poca documentazione ho dovuto ricominciare da capo ben tre volte ed il layout di cui mi accingo a parlare è nato solo ad Ottobre 2008.L’idea di layout che porto avanti con tanta passione è quella del rispetto assoluto del biotopo naturale,nel mio caso quello sud-americano,sia dal punto di vista della fauna che della flora.

L'acquario di Carlo Augugliaro

L'acquario di Carlo Augugliaro

Parte Tecnica

Per quanto riguarda la parte tecnica,mi sono affidato agli accessori Juwel avuti in dotazioni al momento dell’acquisto della vasca,in particolare il mio acquario monta un filtro interno caricato con 3 spugne forate di diverse dimensioni ove è insediata la flora batterica(filtro biologico) e della lana di perlon(filtro meccanico).
Si tratta di un sistema di filtraggio da molti considerato non esaltante,ma io posso affermare che a me non ha mai dato nessun tipo di problema!!!
Anche per quanto riguarda l’illuminazione ho deciso di affidarmi completamente ai neon avuti in dotazione al momento dell’acquisto della vasca,anche se tra massimo 6 mesi dovrò cambiarli.Comunque si tratta di una plafoniera con due neon T5 da 45watt ciascuno,quindi considerando i 150 litri netti,il mio rapporto watt/litri è di 0,6 watt per litro,che mi permette di contivare una grande varietà di piante,anche se di fatto le piante presenti attualmente non sono molto esigenti.Aggiungo che l’accensione e lo spegnimento dei neon è controllato da un timer ed ormai da parecchi mesi il fotoperiodo che ho impostato è di 8 ore dalle 16 alle 24.
Ritengo di possedere,inoltre,un buon impianto di CO2 della Ruwal con elettrovalvola collegata allo stesso timer che regola accensione e lo spegnimento dei neon e questo mi permette di somministrare la CO2 solo quando la luce è accesa nella misura di circa 20 bolle al minuto.Inoltre per tale somministrazione ho montato un’altra pompa che invece lavora tutto il giorno e che di conseguenza funge anche da pompa di movimento,cosa che ritengo importante per creare una doppia corrente all’interno della vasca.

Allestimento

Quando ho iniziato ad allestire questa vasca ero un perfetto ignorante in materia,quindi già in partenza ho commesso purtroppo qualche errore di cui mi sono pentito in seguito.
Per fortuna il negoziante da cui ho comprato l’acquario si è dimostrato persona competente,anche se per alcuni aspetti dai gusti diversi dai miei,di conseguenza con il suo aiuto sono riuscito ad evitare una vera e propria catastrofe.
Detto questo ho messo un fondo fertile formato da 3 barattoli di Tetra Complite Substrate di 2,8 kg ciascuno ed ho ricoperto il tutto con circa 5 cm di ghiaia di media dimensione,che purtroppo è difficile da sifonare e per questo la considero sicuramente un errore a cui però non ho avuto mai il coraggio di rimediare.Se allestirò un nuovo acquario utilizzerò della sabbia molto fine!!!
Il secondo errore commesso in fase di allestimento a cui però sono riuscito a rimediare è stato quello di riempire la vasca interamente con acqua di rubinetto,che,anche se trattata con un biocondizionatore,aveva ovviamente i Nitrati ed i Fosfatti molto alti,ma come detto con il tempo facendo cambi d’acqua parziali con solo acqua osmotica sono riuscito a riportare questi valori nella norma.
Per quanto riguarda l’aggiunta degli arredi vi risparmio quello che ho dovuto passare a causa degli errori commessi e vorrei invece descrivervi il layout attualmente presente:mi sono imposto che il mio acquario doveva essere per quanto possibile simile ad un affluente del Rio delle Amazzoni,quindi rocce che creano delle piccole grotte,radici che spuntano dal fondo,acqua ambrata e piante verdi di diverse tonalità,un ambiete adatto ad ospittare come protagonistra assoluto della vasca una specie di ciclide nano sud-americano e la mia scelta è ricaduta su uno stupendo trio di Apistogramma Viejita.

L'acquario di Carlo Augugliaro

Pesci

Tutti i pesci presenti nella mia vasca,in natura vivono in sud-america!Come detto i protagonisti assoluti sono gli Apistogramma Viejita (2f ed 1 m), nel mio caso si è formata una coppia abbastanza stabile che depone le uova con regolarità,mentre la seconda femmina è davvero sottomessa ed ancora non è riuscita a ritagliarsi un suo territorio,di conseguenza non è mai entrata in riproduzione!
Insieme a loro ci sono 12 Paracheirodon Axelrod i(Cardinali), 6 Corydora s(3 albini e 3 aeneus), 6 Otocinclus Affinis e 3 Neritine.
Ritengo che la popolazione presente è abbastanza bilancia,anche se sono tentato di portare il numero dei Cardinali a 20 unità,per il resto sono davvero molto contento della scelte fatte perchè con questo abinamento posso veramente ammirare i comportamenti a dir poco straordinari degli A.Viejita,in particolare è stupendo osservare il corteggiamento del maschio,le dispute per il territorio o la difesa della uova da parte della femmina!

Piante

Anche per quanto riguarda le piante presenti in vasca la regola è il rispetto del biotopo sud-americano,quindi mi sono concentrato soprattutto sulla specie delle Echinodorus,infatti ne posseggo una grande varietà:

-E.Bleheri
-E.Latifolius
-E.Magdalenensis
-E.Osiris
-E.Ozelot Green
-E.Ozelot Red
Inotre ho piantato anche:
-Hydrocotyle Leucocephala
-Vallisneria Gigantea.

Al momento non ho intenzione di aggiungere altre piante,perchè quelle presenti stanno crescendo abbastanza bene,ma ovviamente se sarà necessario interverrò prontamente.

Fertilizzazione ed altri prodotti

Per fertilizzare seguo il protocollo base della Sera che prevede ben 4 prodotti:
-Sera Florena che è un fertilizzante liquido che metto in vasca dopo il cambio d’acqua settimanale nella misura di 15 ml.
-Sera Florenette A e Sera FlorePlus sono pasticche per il fondo che si spingono vicino alle radici delle piante ed immetto nella vasca entrambi i prodotti solo una volta al mese nella misura di 8 pasticche per ciascun prodotto.
-Sera Flore DayDrops è,invece,un integratore giornaliero che somministro nella misura di 7 gocce.
Inoltre,anche gli altri prodotti che utilizzo per la cura della vasca sono della Sera,in particolare uso:Sera aquatan,Sera Nitrivec ed Sera mineral salt.

Alimentazione

Per quanto riguarda l’alimentazione dei miei pesci mi affido ai prodotti Tetra,in particolare utilizzo Tetra Ciclidi Nani,Tetra Pro,Tetra Delica Mix e Tetra TabiMin.
Normalmente li alimento due volte al giorno:la prima con Tetra Ciclidi Nani e la seconda alternando Tetra Pro e Tetra Delica.Inoltre somministro a luci spente una pasticca al giorno di Tetra TabiMin per i Corydoras e gli Otocinclus.

Manutenzione

Sono molto preciso nella gestione e manutenzione della vasca,in particolare faccio un cambio d’acqua a settimana(di solito la domenica!)di 40 litri con solo acqua di osmosi inversa comprata in negozio,trattata il giorno prima con dei sali minerali per mantenere le durezza stabili e con 10ml Sera Aquatan.
Al momento del cambio,inoltre,procedo alla potatura delle piante e con molta cura rimuovo le foglie morte o eventuali residui presenti nell’acqua con l’aiuto di un retino.Inoltre inserisco direttamente nella scatola del filtro 10ml di Sera Nitrivec per mantenere la flora batterica.

Valori dell’acqua

Anche dal punto di vista dei valori cerco di rispettare i parametri presenti nel biotopo sud-americano,in particolae in base all’ultima misurazione sono:

pH
6,5
kH
3
gH
5
Fosfati
0,5
Nitriti
assenti
Nitrati
5

Valutazioni e Consigli

Questa in breve è la descrizione del mio acquario!Ad ora sono abbastanza soddisfatto per il risultato raggiunto,anche se sono convinto che si può sempre migliorare;però per far ciò mi preme sottolineare che è importante documentarsi perchè la cura di un’acquario non è un gioco,si tratta di un piccolo ecosistema e come tale è necessario rispettare determinate e fondamentali regole per evitare di alterare i sottili equilibri che si creano in natura!!!
Chiudo ringraziando tutti gli utenti del forum di AP,grazie a loro sono riuscito ad imparare davvero tantissimo e grazie ai loro preziosi consigli sono riuscito a portare un piccolo affluente del Rio delle Amazzoni in casa mia!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*