Costruiamo un Overflow

699

Introduzione:

La costruzione di un overflow è qualcosa di molto semplice se si utilizzano materiali di facile (e soprattutto sicuro) assemblaggio.
Faccio questa premessa perchè molti mi hanno chiesto se è possibile usare il plexyglass; certo, è possibile, ma crea grossi problemi di incollaggio ed è molto fragile, per cui bisognerebbe farselo realizzare da chi è specializzato nella lavorazione di questo materiale. Io consiglio il PVC (naturalmente quello per uso alimentare) che è un materiale duttile, facilissimo da lavorare ed incollare, sufficientemente elastico e dal costo non proibitivo (il PVC in fogli è utilizzato per la costruzione di serbatoi e vasche resistenti agli acidi, quindi và cercato presso fornitori di materie plastiche o fornitori di materiali per impianti di irrigazione dove troveremo anche i tubi ed i raccordi).
Il PVC si incolla con un collante specifico (TANGIT), deve essere assolutamente sgrassato (se non si usa il diluente apposito -costosissimo- basta strofinare energicamente le parti da incollare con carta da cucina). Si taglia con un seghetto per metalli, un seghetto alternativo o una sega circolare.

Rimbocchiamoci le maniche:

In sostanza un overflow è costituito da due vaschette e da un tubo ad “U” oltre che da un classico tubo di scarico.
La prima vaschetta (quella che viene messa all’interno dell’acquario) dovrà essere più bassa dell’altra (posizionata all’esterno) e dovrà avere un pettine per la tracimazione (vedere presso i rivenditori Aquaristica) posizionato circa 1-1,5 cm sotto il livello dell’acqua (il punto di tracimazione, non tutto il pettine!).
La seconda vaschetta dovrà essere almeno 10 cm più alta della prima e dovrà essere posizionata con il bordo superiore circa 5 cm. più alto del punto di tracimazione. A questa vaschetta dovranno essere collegati i tubi di scarico che dovranno avere un’altezza tale da arrivare a circa metà dell’altezza dell’acqua presente nella prima vaschetta (vedi disegno 1) e che dovranno essere realizzati in PVC del diametro di 32mm.


Disegno di Geppy.

A questo punto il grosso del lavoro è fatto: basterà montare il tubo di collegamento tra le due vaschette costituito da tre spezzoni di PVC diametro 25-32mm (varieranno di diametro e di numero a seconda della portata di scarico che ci occorre) raccordati con due angoli a 90°. La lunghezza dei tubi dovrà essere tale da raggiungere una distanza di circa 3 cm dal fondo della prima vaschetta ed altrettanto dal fondo della seconda. Adesso dovremo soltanto raccordare le due vaschette (ci sono vari sistemi) tenendo conto del fatto che il sistema di raccordo dovrà fare in modo da superare il dislivello formato dal bordo libero della vasca.
Il sistema migliore, dal mio punto di vista, è quello di realizzare i fianchi delle vaschette con un unico pezzo di PVC sagomato ad “U” (vedi disegno 2).


Disegno di Geppy.

NOTA BENE: Tutti i sistemi di tracimazione di questo tipo hanno il “difetto” di aspirare (e raccogliere) anche bollicine d’aria. Questo, nel tempo, potrebbe far rallentare o addirittura bloccare il passaggio tra la vaschetta interna e quella esterna. Per questo motivo è opportuno montare sull’angolo della “U” di passaggio un tubicino per l’aspirazione dell’aria da collegare al venturi di una potente pompa di movimento. Poichè è praticamente impossibile trovare in Italia tubicini in PVC di piccolo diametro, questo si può realizzare con un raccordino filettato della Gardena (o simile) da montare avvitato sulla curva dopo averla forata e filettata con un comune maschio per filettare del diametro adatto.
In questo modo avremo un sistema perfettamente efficiente ed autoinnescante.

Consigli e precisazioni:

Tengo a precisare, per la tranquillità di tutti, che questo è il sistema da noi utilizzato per la realizzazione di overflow da almeno 3 anni, quindi collaudatissimo e di sicuro funzionamento. Una altro consiglio: se l’overflow sarà montato in piena luce conviene utilizzare PVC nero per evitare la formazione di alghe. Indicazioni per il dimensionamento dei tubi di raccordo: 1 tubo d. 25mm con 1 scarico d. 32mm per vasche fino a 250 litri netti. 1 tubo d. 32mm con 1 scarico d. 32mm per vasche fino a 350 litri netti. 2 tubi d. 32mm con 2 scarichi d.32mm per vasche fino a 700 litri netti. 3 tubi d. 32mm con 3 scarichi d.32mm per vasche fino a 1050 litri netti…..e così via. Naturalmente questi dimensionamenti sono variabili in funzione della portata degli scarichi di cui si necessita.

Buon lavoro a tutti, geppy




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*