Somministrazione del calcio nell’acquario di barriera – Il reattore di kalkwasser

334

Questa pagina è stata tratta da Somministrazione del calcio nell’acquario di barriera, disponibile nella sezione chimica se volete avere ulteriori informazioni.

La somministrazione di acqua calcarea necessita di un po’ di pazienza e di alcuni minuti tutti i giorni per la preparazione, un altro problema è l’impossibilità di dosarla durante i periodi di nostra assenza.
Il reattore di kalkwasser o reattore Nilsen (dal suo ideatore), consente la somministrazione di acqua calcarea in modo automatico.Il reattore di kalkwasser è costituito da una colonna di contatto stagna alimentato dall’acqua proveniente dal sistema di rabbocco automatico.

Funzionamento

Nel reattore si introduce il calcio idrossido all’incirca ogni settimana.
Il calcio idrossido viene mantenuto miscelato all’acqua mediante una pompa a ciclo chiuso situata nella parte bassa del reattore ed accesa ad intervalli di circa 15 minuti ogni 2 ore tramite timer.
In questo modo nella parte bassa della colonna si formerà una soluzione lattiginosa costituita dal calcio idrossido miscelato e nella parte superiore la soluzione da somministrare, limpida e ricca di calcio.

Il calcio idrossido viene somministrato in un foro munito di tappo a vite stagno.

La somministrazione dell’acqua ha inizio quando l’interruttore galleggiante situato nella sump richiama acqua per compensare quella evaporata. L’acqua proveniente dal contenitore per il rabbocco dell’acqua evaporata sarà prelevata ed introdotta all’incirca sulla mezzeria della colonna da una pompa od una pompa dosatrice, e sarà fatta uscire arricchita di calcio da un tubicino situato nella parte alta del reattore, e munito di rubinetto per la regolazione (goccia a goccia).

A) Colonna di contatto
B) Pompa alimentazione reattore
C) Pompa a ciclo chiuso per miscelare il calcio idrossido
D) Interruttore galleggiante
E) Ingresso acqua nel reattore
F) Ingresso acqua nell’acquario
G) Vasca di stoccaggio acqua evaporata.

 

1) Pompa mandata da collocare nella vasca per l’acqua evaporata
2) Uscita acqua in eccesso
3) Pompa miscelazione
4) Uscita acqua calcarea (goccia a goccia)
5) Ingresso acqua nel reattore
6) Rubinetto per creare pressione nel reattore
7) Rubinetti manutenzione
8) Bocchettone manutenzione
9) Bocchettone per introdurre il calcio idrossido
10) Rubinetto regolazione uscita acqua calcarea.
11) Valvola di non ritorno

 

Per l’introduzione dell’acqua nel reattore, oltre ad una comune pompa può essere utilizzata una pompa dosatrice. In questo modo la gestione goccia a goccia è estremamente precisa. (Nella foto pompa dosatrice IKS e, sulla destra, un contagocce).

 

Pro e contro

I vantaggi dell’ utilizzo del Reattore di kalkwasser sono:

– I vantaggi sono gli stessi dell’utilizzo di acqua calcarea, inoltre, invece che quotidianamente, il dosaggio del calcio idrossido può essere effettuata a distanza di alcuni giorni, ed la somministrazione avviene anche in nostra assenza.

Gli svantaggi sono:

– Necessita di una accurata pulizia periodica.

Manutenzione
Il reattore periodicamente va pulito dai residui di calcio idrossido e dal calcare con cura. Va pertanto smontato e sciacquato internamente con acqua calda, vanno puliti inoltre i tubi, i rubinetti, la pompa e la girante della pompa di movimento. Periodicamente è bene far girare la pompa in acqua demineralizzata o meglio ancora in aceto.
Importante effettuare spesso la pulizia del tubo di ingresso dell’acqua che si sporca facilmente di residui provenienti dall’acquario, e del tubo e del rubinetto in uscita che si intasa di calcare.

Di seguito le foto di alcuni reattori di kalkwasser disponibili in commercio:

   Reattori di kalkwasser della Deltec (il calcio idrossido è mantenuto miscelato mediante una pala a basso numero di giri) e dell’ Aquamedic.

 

Per la costruzione artigianale di un reattore di kalkwasser consultate la sezione fai da te

 

Esiste un metodo ancora più efficiente per la miscelazione del calcio idrossido in un reattore di kalkwasser. Al posto di una pompa che inevitabilmente, col tempo, si incrosta di calcare è possibile utilizzare un agitatore magnetico posizionato sotto il reattore. Un agitatore magnetico è un accessorio per laboratorio costituito da un magnete rotante che mantiene in movimento una piccola pallina metallica collocata nel recipiente.
Per la costruzione artigianale di un reattore di kalkwasser con agitatore magnetico consultate la sezione fai da te.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*