Sistema Backup per acquari

Sistema Backup per acquari di grosse dimensioni

347

Dopo aver visto delle vere e proprie DISGRAZIE! capitare a vasche di miei amici con conseguenti perdite di animali e soldi (non pochi..) ho deciso di non aspettare che questo accada anche a me’…

Il problema fondamentale e’ che se tutto il sistema di ricircolo dell’acqua in una vasca di barriera si ferma la vascha comincia andare in carenza di ossigeno… la H2O perde rapidamente ossigeno disciolto e questo causa la morte degli animali piu’ delicati e quindi la loro decomposizione in massa e quindi l’inquinamento di tutto il sistema… e per far cio’ non ci vogliono giorni ma da casistiche raccolte si cominciano ad aver problemi gia da 6 ore dal “fermo” delle pompe.

Quindi il punto della questione e’ far si che almeno la pompa di risalita (nel caso di vasche con sump) o una pompa di movimento principale continui a lavorare anche in caso di mancata corrente dell’intero sistema…

Un combinatore telefonico e’ solo un “ALLERT” che pero’ non interviene direttamente .. va bene nel caso si sia sempre in zona … ma che succede quando si va in vacanza?

Prima del combinatore (sempre utile ma come “ALLERT” ) ci vuole un sistema di backup… tipo UPS dei pc che interviene in caso di mancata corrente alimentando la pompa in questione tramite una batteria e un inverter (il quale trasforma la corrente da 12v a 220 v).

Devo sottolineare che gli UPS da pc pero’ sono fatti per lavorare diversamente da quello che noi vogliamo… innanzitutto gli UPS da pc non devono far sentire la interruzione della corrente in modo da non fare spegnere i pc… a noi questo NON interessa… e poi gli UPS da PC devono garantire una autonomia di pochi minuti (il tempo di salvare i dati senza perderli…) invece a noi interessa di fare andare piu’ possibile la pompa in termini di ORE o GIORNI…

Quindi … dopo aver valutato varie alternative (tra le quali una validissima di un generatore di corrente a benzina… ma MOOLTO COSTOSO)…. sono giunto a questa soluzione secondo me’ economica e di facile realizzazione.

P.S.: non e’ totalmente una mia idea e per questo ringrazio Nando (Aster73)

Procedo a descriverne la realizzazione:

Lista della spesa:

– Inverter 300 watts soft start per batterie da DC 12v (10-15v) output AC 220v 50 hz € 35 – Ebay.

– Batteria 12v 100 Ah da € 80 – Euromercato

– Quadro. cablaggio, rele’, temporizzatore, interruttore e spina (50 €) – Rivendita materiale elettrico

– Indicatore di carica batteria (trovato in garage…)

– Totale spesa: 165 €

Assemblare il tutto e’ abbastanza semplice: praticamente prendo la corrente dalla linea, la “monitorizzo” con un rele’ che quando viene a mancare baipassa l’alimentazione della pompa dalla linea alla batteria e contemporaneamente alimenta l’inverter sempre contemporaneamente da lo “start” al temporizzatore
(5 secondi) per accendere alimentare la pompa di risalita (non puo’ essere alimentata subito perche’ l’inverter ha bisogno di qualche secondo per andare a regime).

Con una pompa di risalita da 55 wt ho una durata di Backup di circa 48 ore… (con la batteria al massimo della carica).

Di seguito alcune foto dell’allestimento e lo schema dei collegamenti:

Ecco lo schema per i collegamenti:




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*