Schiumatoio a spray per sump

252

Questo progetto è interamente sviluppato in PVC, facile e veloce da incollare. Per avere un schiumatoio del genere è necessario ordinarne uno dall’ America o autocostruirselo in quanto non ne esistono sul mercato europeo.

L’ idea di base è abbastanza semplice, un getto ad alta pressione è sparato sul pelo dell’ acqua mischiandosi ad una quantità molto alta di aria. Il risultato è una schiumazione efficace anche senza dotarsi di pompe troppo potenti e molto molto silenzioso!

Ho scelto il PVC per la sua buona reperibilità in lastre e tubi, per la facile incollabilità tramite l’ arcinota colla Tangit e per il suo costo abbastanza contenuto. E’ molto importante prendere materiale trasparente per effettuare una buona iniziale taratura.

Con queste dimensioni può essere usato per vasche fino a 200 litri, ma adattando le misure su può realizzare anche per funzionare in vasche più grosse.

Il materiale occorrente

Lastre di PVC trasparente spessore 5 mm

  • 2 di 11×17 cm
  • 2 di 24×17 cm
  • 2 di 10×24 cm
  • 1 di 10×20 cm

Tubo in PVC trasparente

  • diametro 75, 1 pezzo da 10 cm e 1 pezzo da 13 cm
  • diametro 40, 1 pezzo da 11 cm e 1 pezzo da 15 cm

Altro materiale in PVC grigio e varie

  • tubo da 16, 20 e 25 (una cinquantina di cm per ogni diametro dovrebbero bastare per fare i raccordi)
  • tubo da 32 un metro
  • 1 bocchettone da 20
  • 2 gomiti 90° da 20
  • 2 gomiti 90° da 32
  • 1 T da 32
  • 1 calotta di 75
  • 1 collare d’ appoggio di 75
  • 1 presa per serbatoio da 32

  • 1 piccola lastra (anche un pezzo di scarto) per fare il fondo del bicchiere e l’ uscita dell’ ugello. Spessore a scelta ma non troppo sottile

  • tubo di gomma per attaccare la pompa allo schiumatoio

Una pompa da circa 2500 l/h con discreta prevalenza.

La costruzione

Cominciamo preparando le lastre.

Su uno dei pezzi da 11×17 si devono fare i buchi per i tubi trasparenti e su uno dei pezzi da 24×17 si deve fare l’ uscita per lo scarico. Mantenete sempre la pellicola protettiva sulle lastre fino a che non incollate il tutto o sarà inevitabile che si graffino. I due buchi sulla lastra superiore (11×17) devono corrispondere al diametro interno dei tubi da 75 e 40. Io li ho fatti mediante punte a tazza da 68 e 35. Il foro per lo scarico invece l’ ho fatto con una punta da 44. Non è particolarmente importante la disposizione dei buchi, basta solo stare attenti a lasciare abbastanza spazio dai lati per l’ incollaggio delle lastre fra di loro.

Ora prepariamo l’ ugello. Si taglia un pezzetto di tubo di 25 e un quadratino di PVC dalla piccola lastra grigia. Si fora il quadratino e si tolgono le bave, poi lo si incolla al pezzetto di tubo. Si lima poi il tutto per farlo diventare come in figura.

L’ iniettore lo si fa con il tubo di 15 cm da 40 e il bocchettone nel modo seguente: si incolla un pezzetto di tubo da 20 all’ uscita del bocchettone in modo che sporga di un paio di centimetri e poi ci si avvolge un po’ di nastro di teflon. Il nastro deve essere spesso in modo da poter infilare l’ ugello con una certa pressione e in modo che non si stacchi quando si accenderà la pompa.

   

Si prende poi la ghiera d’ uscita del bocchettone e la si incolla sul tubo da 40 in modo che l’ ugello sia coassiale al tubo

   

Nota bene, nella parte alta del tubo trasparente si farà un foro di 5 in modo da potergli anche mettere eventualmente un rubinettino per regolare l’ afflusso di aria. Nel caso invece l’ aria sia poca, si può sempre aumentare il numero di buchi.

In questo modo si riesce ad avere un oggetto che può essere smontato in pochi secondi nel caso ci sia bisogno di pulire l’ ugello o effettuare regolazioni sulla sua lunghezza. Ora incolliamolo sulla lastra posteriore come segue. Una volta appoggiato si consiglia di spargere della colla sul bordo della giuntura per rinforzare il tutto. Poi incolliamo anche il tubo di 10 cm da 75 nello con lo stesso metodo e centrando bene il buco.

Finiamo l’ ingresso dell’ acqua incollando il tubo da 20 nei 2 gomiti a 90° da 20. Per attaccare il tubo di gomma nell’ ultima estremità mettiamo un pezzetto di 20 all’ interno del gomito e ci incolliamo dentro 5 o 6 cm del 16.

Ora incolliamo anche le lastre in modo da creare una struttura del genere (dopo aver tolto le pellicole protettive!). Si badi a lasciare un poco di spazio tra la lastra interna e il buco di scarico. Più larga è l’ imboccatura superiore e meno bollicine prenderanno la via dello scarico ma non mettere troppo verticale la lastra interna.

Incolliamo anche la parte di sopra e creiamo lo scarico. Incolliamo la presa per serbatoio al buco di scarico e mettiamo un po’ di teflon sull’uscita della presa in modo da poter smontare il tubo. L’ altezza dello scarico va posizionata circa all’ altezza della lastra superiore ma poi andrà ritoccata per tarare il livello interno dell’ acqua. Ho ritenuto più comodo questo metodo al posto di mettere un rubinetto in uscita per la maggior economicità e per il semplice fatto che una volta tarato, non lo si dovrà più toccare. Consiglio di non incollare queste parti ma di mettere solo teflon per poter smontare il tutto.

Ora facciamo il bicchiere. Prendiamo il collare d’ appoggio da 75 e i pezzi di tubo da 75 e 40 di 13 e 11 cm. Foriamo un altro pezzo di lastra grigia con la punta da 35 e ci incolliamo sopra il tubo da 40 e poi, all’ esterno, quello da 75

Limiamo la battuta del collare in modo da farci passare il tubo da 75 e ritagliamo la lastrina grigia in modo da farle avere lo stesso diametro del tubo

poi infiliamo per un centimetro e mezzo circa il bicchiere così ottenuto dentro al collare e passiamo un po’ di colla sul bordo interno ed esterno in modo da fissare il tutto. Abbiamo così ottenuto un bicchiere facilmente sfilabile.

Bisogna infine fare un foro nella parte alta della calotta per dare sfogo all’ aria. Adesso possiamo finalmente montare tutto e vederlo in funzione. Come potete vedere ho regolato anche l’ altezza dell’ ugello in modo che sia a un paio di centimetri dalla lastra superiore. Vi consiglio di fare alcune prove e di vedere quale altezza dell’ ugello sia più performante (2 o 3 centimetri al di sopra della lastra superiore dovrebbero bastare). Se l’ aria che entra è troppa e la schiuma sale troppo liquida, bisogna regolare l’ afflusso dell’ aria tramite un rubinettino.

L’ uscita finale dell’ acqua in sump è inclinata in modo che faccia meno gorgoglii possibile. Se ne avete a disposizione potete fare delle prove per vedere quale pompa sia meglio utilizzare. Io utilizzo una Rio 1700 da circa 2400 l/h.

Dopo aver fatto alcune prove sull’ugello, in base alla pompa che uso, ho trovato una configurazione che lavora bene: 3 buchi di 5mm allineati e 2 buchi di 4 (con stessa configurazione dell’ ugello precedente), altezza dalla lastra superiore 3,5 cm. Ecco il risultato di 2 giorni di schiumato in una vasca da 120 litri. Lascio a voi ulteriori affinamenti, convinto anche che sia divertente sperimentare!

Come ultimo suggerimento, per fare in modo che la schiuma scenda lungo il collo e cada per bene dentro il bicchiere, potete incollare dentro, al centro del tappo del bicchiere uno spezzone di tubo da 63 lungo, il tanto che basta per indirizzare la schiuma verso il basso. Di conseguenza, per lo sfogo dell’ aria, forerete la calotta (tappo) in alto di lato, sulla piega della calotta, in modo da avere il buco esterno al canale per la schiuma.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*