Schiudere cisti di artemie

Schiudere cisti di artemie

1966
Molte persone spesso mi chiedono come schiudere le artemie quindi vi ho preparato 4 video su come faccio io. I metodi che utilizzo sono fondamentalmente 2.

1) Metodo con schiuditoio: Quando devo utilizzare i naupli per cibare i piccoli pesciolini nati.

I pro: utilizzando questo metodo è che schiudere artemie con lo schiuditoio, è secondo me, il metodo + sicuro per non dare cisti non schiuse o cortecce.

I Contro: lentezza di schiusa e basso rateo di schiusa.

2) Metodo con bottiglia, che vi descriverò in questo articolo:

I Pro: velocità di schiusa ( 24 h ) , rateo altissimo di schiusa.

I Contro: non si dividono perfettamente le cisti dai naupli ma se si devono dosare per alimentare pesci adulti o coralli……non ci sono problemi.

Vediamo ora i passaggi fondamentali:

1) Prendere una bottiglia e tagliargli il fondo a 3 cm dal fondello.
Infilare nel fondello un tubicino di quelli verdi rigidi per areatori e farlo arrivare all’inizio del Tappo.
Collegare il tubo verde a un areatore. ( dai filmati poi si capisce come posizionarlo ).

2) Preparare l’acqua con 1 lt di acqua del rubinetto e 4 cucchiaini da thè di sale da cucina fine.

3) Mettere l’acqua già salata nella bottiglia e aggiungere 2 cucchiaini di cisti

4) l’areatore deve essere impostato in modo che faccia sobbollire l’acqua in maniera decisa.

5) dopo 24 h iniziano a schiudersi le cisti per poi arrivare dopo 36 h con la massima schiusa.
a questo punto staccate l’areatore e lasciate riposare il tutto per mezz’ora.
Dopo mezz’ora, utilizzando il tubo dell’areatore, aspirate e filtrate l’acqua con dentro i naupli, sciacquate con acqua della vasca e dosate ai coralli.

Matteo Algranati




2 thoughts on “Schiudere cisti di artemie

    1. Sjoplin

      Ciao Teo, è un problema che viene dall’importazione del vecchio portale che era strutturato in modo diverso dall’attuale.
      Stiamo cercando di risolvere il problema e nel mentre li aggiungiamo manualmente nel corpo dell’articolo. Un po’ ci son già, gli altri stanno arrivando.

      Reply

Rispondi a matteo algranati Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*