Cerca: Nel Sito      Nel Web   
 
 
  • Articoli Acquario Dolce

    Scopri l'incredibile e variopinto mondo dell'acquario d'acqua dolce!

    Clicca qui

    Articoli Acquario Dolce

    Centinaia di articoli consultabili in modo del tutto gratuito sul mondo dell'acquario d'acqua dolce.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli per iniziare
    • Articoli sulle piante
    • Articoli sulle riproduzioni
    • Aquascape e molto altro
  • Articoli Acquario marino

    Scopri l'incredibile e variopinto mondo dell'acquario d'acqua marina!

    Clicca qui

    Articoli Acquario Marino

    Centinaia di articoli consultabili in modo del tutto gratuito sul mondo dell'acquario d'acqua marina.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli per iniziare
    • Articoli sui coralli
    • Articoli sulle alghe
    • Nanoreef e molto altro
  • Gli Acquari Made in Italy

    Scopri gli acquari piu' belli d'Italia, la tecnica, gli animali e la gestione.

    Clicca qui

    Gli Acquari Italiani

    In questa sezione troverai tutti gli acquari del mese pubblicati su AcquaPortal da quando è in rete e cioè dal 1999.

    Una carrellata completa di bellissimi acquari d'acqua dolce e marina.

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Acquari Marini
    • Acquari Dolci
    • Le tecniche di gestione
    • Foto fantastiche
  • La Tecnica in Acquario

    Scopri i segreti per usare e sfruttare al meglio gli accessori per l'acquario.

    Clicca qui

    La Tecnica in Acquario

    In questa sezione potrai leggere tantissimi articoli riguardanti la tecnica in acquario sia dolce che marino.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli sulla gestione
    • Articoli su prodotti
    • Articoli su illuminazione
    • Trucchi e molto altro
  • Fai da te in Acquario

    Scopri come realizzare da solo acquari, accessori, lampade e molto altro.

    Clicca qui

    Fai da te

    Sei un amante del "fai da te"? In questa sezione troverai moltissimi articoli su come realizzare da solo e a basso costo la parte tecnica di un acquario.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Costruire un acquario
    • Costruire una plafoniera
    • Costruire un reattore
    • E molto, molto altro!
Aggiungi ai preferiti
29 Aprile 2017
 
Directory
   Acquari Pubblici (24)    Associazioni (35)
   Portali (63)    Siti Aziende (78)
   Siti Didattici (28)    Siti Dolce (155)
   Siti Grossisti (16)    Siti Marino (144)
   Siti Negozi (82)    Vendita on-line (120)
Segnala il tuo sito >>

Link utili
Aquarium 2000 - Brescia
Visita uno dei piu' grandi negozi della Lombardia
impianti osmosi acquario
 


 

    Reportage Acquario di Napoli     Segnala l'articolo ad un amico     Stampa questa pagina    

Il reportage è stato realizzato da due alunni Lucio Gasparre e Raffaele Ferrigno dell'Istituto Filippo Silvestri Licola di Puzzuoli. Tutoring prof. Roberto Chimenti.

L'Acquario di Napoli l'unico esempio al mondo di acquario ottocentesco.Tra i primi in Europa,fu aperto il 12 gennaio1874 su iniziativa del naturalista tedesco Anton Dohrn,che da molti anni andava accarezzando l'idea di realizzare lungo le coste del Mediterraneo un istituto per lo studio della fauna marina dove verificare le teorie darwiniane.

Dohrn era infatti convinto che il suo progetto avrebbe potuto realizzarsi se accanto al centro di ricerca fosse stato costituito un'acquario pubblico.In questo modo i profitti economici di quella che era considerata la pi grande novit del secolo,avrebbe coperto le spese dei laboratori scientifici.
L'Acquario della stazione Zoologica "Anton Dohrn", in pi di un secolo di vita ha dato la possibilit a tutti di osservare da vicino la variet della flora e della fauna del Golfo di Napoli.
Un patrimonio naturalistico che nonostante l'incidenza dell'inquinamento,rappresenta ancora una delle arre del Mediterraneo pi ricche di forme viventi.

Perchè un acquario a Napoli?

Fin dal 1867, il naturalista tedesco Anton Dohrn, sostenitore delle nuove teorie darwiniane, andava accarezzando l'idea di realizzare vicino al mare un'istituto per lo studio della biologia marina.
Interessato pi agli aspetti biologici degli animali che a quelli anatomomorfologici, aveva in prima persona, durante alcuni soggiorni di studio lungo le coste del Mediterraneo, avvertito l'esigenza di una struttura che gli consentisse di mantenere in vita gli animali appena pescati.

Infatti, quando nel 1868 si rec a Messina per studiare la rinomata ricchezza di flora e di fauna di quel mare, port con se un'insolita attrezzatura: un acquario portatile. Soddisfatto dei risultati scientifici ottenuti con l'ausilio di questo marchingegno, pens di costruire parecchi acquari e di tenerli tutti insieme un'accanto all'altro, in una casetta vicino la mare, lasciandoli a disposizione di altri biologi marini.
Fu cos che nacque l'idea di dare vita ad un acquario pubblico come parte integrante della Stazione Zoologica.

La nascita dell'acquario

Immutato rispetto al passato, un documento storico, unica testimonianza al mondo di acquario ottocentesco.
Rispetto ai grandi acquari europei ed americani, grandiosi e spettacolari, quello di Napoli appare sobrio, quasi austero. In realt esso riflettendo il gusto dell'epoca nelle sue strutture architettoniche e nei criteri d'esposizione degli animali, solo "diverso"dagli altri, e perci unico ed inimitabile.
Fu aperto al pubblico il 12 gennaio 1874, quando simili strutture cominciavano appena a comparire in Europa.
Solo nella seconda met del secolo scorso, infatti, grazie alla nuova intesa intellettuale stabilitasi tra naturalisti e chimici fisiologici, era stato trovato il sistema per mantenere a lungo in cattivit gli organismi marini.
Inoltre, alcuni eventi al di fuori del mondo scientifico, quali l'abolizione della pesante tassa sul vetro e l'espansione del sistema ferroviario, contribuirono a generare verso gli acquari un sempre maggiore interesse.

La progettazione

Per la progettazione fu dato incarico ad Alford Lloyd, un ingegnere inglese che aveva acquisito una notevole fama come consulente d'acquari, per avere messo a punto, nel suo negozio di Portland ad un sistema di circolazione che permetteva di mantenere a lungo gli animali in vasca senza dove ricambiare l'acqua.
Per l'Acquario di Napoli, Lloyd scelse un sistema di circolazione che, data la particolare ubicazione dell'edificio sulla costa, permetteva di pompare nei serbatoi, senza alcuna preventiva filtrazione, nuova acqua di mare. Il tipo di circolazione fu dunque "semiaperto"ed ebbe subito un successo straordinario, tanto che venne "copiato" da molti altri acqua ricostruiti pi tardi, come quello di Monaco di Montecarlo.
L'Acquario di Napoli era ed ancora di tipo semi chiuso. Da due grossi bacini posti nel sottosuolo, l'acqua viene pompata nelle vasche e da queste ritorna poi ai bacini. Durante il percorso circa 1/3 dell'acqua viene sostituito, prima di essere messa in circolazione.

La struttura

Le 23 vasche di esposizione, la cui capacit varia da 250 a 69.000 litri, sono allestiti con pietre vulcaniche naturali ed illuminate in gran parte dall'alto da luce naturale.
Gli animali esposti provengono tutti dal Golfo di Napoli che, nonostante l'incidenza dell'inquinamento ancora una delle aree pi ricche di forme viventi.
Il popolamento costituito sia da specie comuni, la cui acclimatazione in mezzo confinato non genera eccessivi problemi (carianti, crostacei, molti pesci),sia da specie "delicate" che di regola non sopportano a lungo la cattivit (meduse, calamari, alcuni pesci).

La presenza in Acquario di queste ultime dovuta alla quotidiana opera attenta e scrupolosa di personale altamente specializzato ed alla vicinanza del mare che consente un rapido trasporto ed un sollecito ricambio.
Accanto alle specie pi comuni di pesci (spigole, orate, marvizzi vari ecc.), ve ne sono alcun'interessanti perch considerate in via di rarefazione (ombrine, dentici, cernie, triglie). Quasi tutte le classi d'invertebrati vi sono rappresentate, con prevalenza di molluschi, crostacei ed echinodermi.

Ma l'Acquario di Napoli non soltanto un monumento storico o una mostra di animali marini rari o meno rari. Esso animato e reso attuale da una serie di attivit che lo hanno messo al passo con gli acquari pi moderni del mondo, nel campo della ricerca, della didattica e della protezione dell'ambiente.
Sotto quest'ultimo profilo, oltre all'azione educativa tesa a stimolare in ogni fascia di pubblico una presa di coscienza verso i problemi del degrado ambientale, sul piano concreto l'Acquario collabora alla difesa della natura allevando specie in rarefazione e rilasciando in mare esemplari di specie protette. E' il caso delle tartarughe marine trovate in difficolt nel Golfo perch ammalate, stressate o ferite, che vengono ricoverate, curate e poi rimesse in libert.

Il Re dell'acquario è un calamaro

Nelle 23 vasche d'esposizione, allestiste con pietre naturali ricche di organismi marini incrostati e illuminate in gran parte da luce naturale,sono presenti quasi tutti i gruppi zoologici presenti nel Mediterraneo.
Accanto alle specie pi comuni, che ben s'adattano a vivere in cattivit, non mancano quelle "delicate", che di regola non sopportano a lungo la cattivit. E' il caso dei Calamari, vero e proprio vanto dell' Acquario.

Recentemente si cercato di ricostruire alcune vasche, biotopi particolari del Golfo di Napoli. Su ricostruzioni rocciose trovano ampio riparo gli Scorfani, gli Astrici e l'aragoste. In luoghi meno illuminati, tra grotte e anfratti e qualche bell'anfora di fattura romana, si rifugiano invece le Corvine, Cernie, le Murene e i gronghi.
Amanti della penombra e infastidi della luce diurna, questi caratteristici pesci nostrani possono cos trovare un ambiente confortevole e ben protetto. E' stato riprodotto anche l'ambiente corallino con alghe calcaree, gorgonie e colonie di madrepore.

 

E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso dell'autore.


Contattaci | Chi siamo | Dove siamo | Copyright | Privacy | Esenzione Sondaggi   

test dna cani
Rivista specializzata on-line sull'acquariofilia - Reg. Trib. di Milano N. 42 del 23/01/2008 - Direttore responsabile Marco Rosetti - Copyright © AcquaPortal Communication S.R.L - Tutti i diritti riservati