Plafoniera per acquario Fai da te

321
Ecco alcuni piccoli passi per modificare il mio rio 240 in marino
Premetto la plafoniera si può fare in tutti i modi possibili, questa è stata fatta più semplice che si poteva. Prese le misure della vasca ho proceduto all’acquisto del legno ho scelto del compensato marino da 1,5 cm, può bastare anche da uno pero per sicurezza meglio tenersi larghi una struttura più solida permette di aggiungere nel tempo diverse cose.Con la larghezza ho tagliato la tavoletta centrale la prima che si vede in foto tanto basta per poi appoggiarla all’interno del bordo vasca con dei piedini, di conseguenza le altre tagliate per la lunghezza dell’ interno non ho fatto nessun tipo di taglio ad incastro per non vedere l’ angolo.
La tavola centrale lasciava un po di margine con quella laterale quindi ho inserito due listelli da 1,5cm per chiudere il tutto l’apertura laterale d’appoggio è stata volontariamente lasciata quasi aperta per il passaggio dei cavi; questo è il risultato ottenuto.

Per mie esigenze, per ora, ho messo solo 4 t5 da 54w ma si può inserire fino a 8 neon o strisce di led dipende poi come sempre dalle esigenze.

Per l’impianto elettrico ho usato due ballast della osram il tutto cablato secondo schema del ballast.
I neon lo fissati con un listello da 20 per la larghezza dell interno.

Questo è stato il risultato finale:


ATTENZIONE!
Negli articoli dedicati al fai da te vengono descritte esperienze di appassionati italiani che vogliono, unicamente a titolo dimostrativo, mostrarci e renderci partecipi dei loro risultati nella costruzione artigianale di accessori di acquariofilia.
Ricordiamo che molti progetti avendo a che fare con impianti elettrici e l’utilizzo di macchinari e strumenti di lavoro possono essere pericolosi, e che le modifiche apportate ad accessori già esistenti, rendono l’accessorio non più a norme CE e pertanto con la garanzia non più valida.
Nel caso qualcuno volesse ugualmente cimentarsi nella realizzazione di questi progetti, sia Acquaportal sia gli autori del progetto stesso non si assumono in alcun modo responsabilità in caso di incidenti o guasti di qualsiasi tipo essi siano. Nel caso di realizzazione ricordiamo infine che alcune lavorazioni necessitano di strumenti di protezione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*