Montaggio dell’orologio giornaliero per accensione lampada

102

Premetto che ho realizzato il montaggio di un neon supplementare al mio acquario per avere un’adeguata illuminazione.

Tutti i santi giorni accendevo le luci totalmente per un periodo di circa 11h leggendo i forum ho notato che aver un’illuminazione iniziale e finale bassa crea minor “shock”alle piante e ai pesci(quando ci saranno). Allora via con l’ingegno…ne ho messo poco dato che l’elettricità è il mio pane!! Ho installato un’orologio orario giornaliero collegato al neon appena installato, così accenderò solo un neon e l’altro partirà da solo.(finchè non mi stufo e collego anche l’altro ad un’orologio). Che esteticamente non mi sembra brutto

.

Tanto per iniziare ho inciso il coperchio di copertura del reattore elettronico a misura dell’orologio con un cutter. Creando un foro rettangolare, sono stato un po’ più scarso e poi ho lavorato di lima piano piano è plastica!!! Risultato:

A questo punto ho realizzato i collegamenti della lampada all’orologio. Io ho usato un modello da guida din tipo vemer a 1 modulo ma esistono altre marche theben, ecc…….a 1 o 2 moduli

dare al motore(M) dell’orologio l’alimentazione 230v, poi il neutro diretto al reattore elettronico(1), la linea (L) al contatto del relè e l’altro morsetto libero(1) al reattore. Poi l’ho incastrato nell’asola del coperchio, regolato il tempo d’accensione e richiuso il coperchio. Importante : controllate lo spazio che avete sotto al coperchio di copertura reattore se avete posto.


ATTENZIONE!

In questa sezione vengono descritte esperienze di appassionati italiani che vogliono mostrare a titolo informativo i loro risultati nel settore fai da te.
Ricordiamo che molti progetti avendo a che fare con impianti elettrici e l’utilizzo di strumenti di lavoro possono essere pericolosi, e molte modifiche apportate ad accessori, rendono l’accessorio non più a norme e con la garanzia non più valida.
Nel caso qualcuno volesse ugualmente cimentarsi nella realizzazione di questi progetti, sia Acquaportal sia gli autori del progetto stesso non si assumono in alcun modo responsabilità in caso di incidenti di qualsiasi tipo essi siano.
Nel caso di realizzazione ricordiamo infine che alcune lavorazioni necessitano di strumenti di protezione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*