gourami gigante

Gourami gigante – Osphronemus goramy

1705

Laura e Angelo di River Monsters Italia ci parlano del gourami gigante, un predatore che vive nel sud-est asiatico, che riconosce chi si prende cura di lui.

gourami gigante

Gourami gigante
Nome scientifico: Osphronemus goramy

Ordine: Perciformes
Famiglia: Osprhonemidae
Genere: Osprhonemus
Specie: O. goramy (Lacépède, 1801)
Specie simili:
Osphronemus exodon (Roberts, 1994)
Osphronemus laticlavius (Roberts, 1992)
Osphronemus septemfasciatus (Roberts, 1992)

Distribuzione: sud-est asiatico, Borneo, Thailandia, Giava e fiume Mekong

Taglia massima: 70 cm che può raggiungere in 4-5 anni (se allevato bene, con molti litri a disposizione sin da subito).

Temperatura: dai 20-30 °C

Ph: 6.5- 8.0

Durezza: 5 – 25 dGH

Vita media: 20-25 anni, ma si registrano casi di 40 anni in cattività.

Descrizione
Il gourami gigante è un pesce massiccio, riconoscibile facilmente dalla mascella molto sviluppata negli adulti. Particolari sono le pinne ventrali, lunghe e filiformi, mentre tutte le altre, coda compresa, sono arrotondate. Da notare le macchie rosse sui fianchi e sulla testa, mentre il resto del corpo e’ grigio-verde scuro.

È capace di sopravvivere parecchie ore fuori dall’acqua grazie al suo organo respiratorio chiamato labirinto; questa qualità lo rende molto apprezzato in oriente per l’alimentazione umana, potendolo trasportare anche a distanza in luoghi non dotati di frigorifero.

In commercio esistono due forme: quella ancestrale o wild, grigia con belle fumature argentate, e quella rosa/biancastra (leucistica).

Il gourami gigante viene solitamente venduto in dimensioni di 4-8 cm nei negozi di animali. Quando sono piccoli hanno un muso appuntito, una testa piatta e una attraente colorazione a bande (ricordano molto i Colisa sp. e i Trichogaster sp.).

I giovani hanno strisce blu argentato o grigio-nero su una base crema-giallo. Man mano che invecchiano, perdono le strisce e virano il colore nel grigio sfumato o a volte addirittura nero screziato. Gli adulti sviluppano la fronte gonfia (specialmente i maschi), con labbra spesse (più pronunciate sulle femmine) e un mento massiccio.

gourami gigante giovani

Credits: aquariumglaser.de

Habitat
Il luogo ideale per questo pesce sono le acque lente e paludose, o le foreste inondate durante la stagione delle piogge.

Alimentazione
È onnivoro, si ciba di vegetali ma anche di pesci, crostacei, insetti, invertebrati e anche di animali morti che trova sulla sua strada.

Acquario/vasca
Benché tutti i gourami giganti siano pesci carini da piccoli, non dobbiamo dimenticare che superano agevolmente il mezzo metro di lunghezza, quindi dobbiamo pensare ad una vasca molto ampia per poterli ospitare. Il minimo sindacale per un esemplare adulto (spesso oltre i 40 cm la crescita rallenta moltissimo, è quasi impercettibile) è di 1000 litri.

Decoreremo l’acquario con almeno metà della superficie piantumata, evitando comunque di avere spazi troppo piccoli: non capita raramente che si infili in spazi stretti, rimanendo incastrato (non è molto agile come pesce!).

Se si utilizzano filtri sovradimensionati lo troveremo sempre al riparo dalla corrente, si consiglia quindi un movimento medio lento dell’acqua.

Consigliamo piante a crescita rapida o comunque robuste, perché non disdegnano assaggiare/mangiare piante ornamentali (per noi, per loro è cibo a tutti gli effetti).

Comportamento/compatibilità
Come detto prima, da giovane questo pesce ha un aspetto molto carino e innocuo. Ma da adulto l’aria “incattivita” dalla mandibola sproporzionata non falsifica affatto la sua indole. Si tratta di un pesce molto territoriale, che non ha paura anche di pesci più grandi di lui.

Si trovano spesso video su YouTube dove questo pesce se la prende con la mano del proprietario dall’altra parte del vetro, spalancando la bocca e le pinne, e mostrando un atteggiamento da bullo. Di solito questo avviene in vasche piccole o affollate, in vasche di grandi dimensioni tende a non dar troppo fastidio a pesci di dimensioni pari alle sue.

Ovviamente i coinquilini dovranno seguire passo passo la mole del nostro gourami gigante, sia per evitare che vengano mangiati, sia per rispondere di conseguenza alle risse scatenate frequentemente.

Dimorfismo sessuale
I maschi hanno pinne dorsali e anali più lunghe e appuntite. I maschi maturi sviluppano anche una “gobba nucale” più ampia, sulla fronte. Nella femmina la pinna dorsale e anale è più rotonda, e potrebbe avere labbra più spesse rispetto ai maschi.

Riproduzione
Relativamente facile, ma è necessario un acquario o vasca veramente enorme per allevare gli adulti. Questa specie è sessualmente matura a partire dai 6 mesi.

Devono essere presenti molte piante galleggianti. Il maschio costruisce un grande nido di bolle, sulla vegetazione, la deposizione delle uova avviene nelle vicinanze del nido e le uova vengono trasportate lì dal maschio. La femmina, dopo la deposizione e fertilizzazione, viene scacciata e dovrebbe essere subito rimossa.

Le uova si schiudono in 24-36 ore e gli avannotti iniziano a nuotare dopo 3-5 giorni. Il maschio continua a proteggerli per 2-3 settimane in natura, ma in acquario può essere rimosso una volta che i giovani nuotano liberi. In questa fase sono abbastanza grandi da accettare naupli di artemia e scaglie in polvere sin dal primo giorno.

Sono pesci che danno molta soddisfazione, anche grazie al fatto che riconoscono chi si prende cura di loro (pare abbiano un ottima vista), longevi e robusti. Il gourami gigante è un ottimo pesce casalingo, se si dispone del litraggio necessario.

Angelo e Laura
www.river-monsters.it




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*