filtro per resine o carbone attivo

Costruzione di filtro per resine o carbone attivo

341

Ecco le istruzioni per costruire un piccolo filtro per resine anti fosfati (po4) o per carbone attivo
Occorrente:

  1. un piccolo beverone per criceti da circa 2 euro,
  2. un tubetto in gomma (vedi foto),
  3. un giunto con sistema venturi (oppure lo si può realizzare con l’ ausilio dei un tubicino dello stecchino dei chupa chups (i lecca lecca))
  4. colla tangit.

Per prima cosa bisogna che si faccia una modifica alla pompa. Io uso una maxi jet da 1000 l/h: si inserisce ermeticamente il giunto venturi oppure ve lo fate forando l’ ugello di mandata della maxi jet e con un tubetto in plastica dei chupa chups, posizionato al contrario così che una parte del flusso dell’acqua si incanali a forte pressione ed esca (vedi foto).

Al posto del tubicino per i lecca-lecca si può tagliare anche un tubo di quelli rigidi per areatore, attenzione e tagliare con una linea inclinata di 45° la parte che si inserirà nel tubo della pompa.

Questa modifica ci servirà per ottenere un flusso di acqua che poi andremo a convogliare nel filtro. Il venturi va collegato ad un tubetto di silicone per areatori.
Ora andiamo a preparare il barattolo con il filtro, seguiamo il percorso dell’acqua:

  1. l’acqua viene estratta dal tubo venturi dal flusso che entra in vasca
  2. l’acqua entrerà nel tubo e andrà verso il filtro
  3. l’acqua entrerà dalla estremità alta del filtro a forte pressione muovendo le resine anti fostati o il carbone e
  4. poi ne uscirà nella vasca risalendo il tubo che la porterà fuori tipo tracimazione

  filtro per resine o carbone attivo

Ecco una foto di come appare il mio tubo venturi:

La costruzione del filtro porta resine-carboni è semplicissima, al beverone si deve togliere la parte metallica con le sfere che sta sul fondo.

Si fa passare il tubicino e con l’ ausilio di un fornello a gas e un bastoncino in legno cilindrico si va a stringere, in modo che non ci siano perdite di acqua dall ‘uscita (la parte destra della foto, si vede il tubo verde infilato al posto di quello metallico presente al momento dell ‘acquisto del distributore di acqua e si vedono anche i segni della fiamma usata per unire saldamente le due parti).

Infilando il bastoncino e scaldando la plastica sul fornello si riesce con facilità’ ad adattare il beverone al tubo e impedire perdite di acqua e senza perdere la forma.

Dopodiché andremo a fare un piccolo forellino all’estremità del barattolino dove andremo a infilare a pressione il tubo accertandosi della precisione in quanto al suo interno ci sarà una compressione da acqua e bisogna assolutamente evitare che ci siano perdite.

Sopra avevamo già infilato un pezzetto di tubo (quello nero) in plastica rigida. meglio se è sigillato con un goccino di tangit.

Io in fondo al tubo ho infilato un altro pezzettino di tubetto più grosso al fine di convogliare meglio l’acqua.

filtro per resine o carbone attivo

Ora si infila il tutto nel barattolo dopo averlo caricato di resine o carbone, lavato accuratamente, e per non fare cadere all’interno del tubo pezzi di resine durante l’avvitamento consiglio di infilare preventivamente un filo in ferro che impedisca l’accesso di frammenti di resine o carboni che andrebbero poi ad ostruire il passaggio dell’acqua in uscita, naturalmente il filo di ferro andrà immediatamente tolto.

filtro per resine o carbone attivo

Ecco il filtro in funzione nella vasca. Notare il flusso di acqua che esce e come con un semplice elastico è possibile fissarlo alla vasca. Sistema pratico e che permette un rapido cambio delle resine al suo interno.

filtro per resine o carbone attivo

Buon lavoro…… io lo sto già testando da un po di tempo e i fosfati sono assenti, poi ne ho un altro uguale caricato a carboni che in pochi secondi sostituisco in base alle necessità.

Buon lavoro.
Solo alcune note:

  • le resine si cambiano ogni 10 giorni
  • io utilizzo una maxi jet da 1000 l/h

Vorrei solo aggiungere un ringraziamento per la collaborazione ai miei amici di discussione del forum di Acqua Portal.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*