Costruzione di un acquario di barriera

Costruzione di un acquario di barriera

1848

Abbiamo colto l’ occasione della realizzazione e costruzione di un acquario di barriera, per documentare le fasi della costruzione e descrivere i materiali, e gli accessori utilizzati.

Ci teniamo a precisare che, per dare un esempio di installazione completo, a valle degli schiumatoi è stato montato un piccolo percolatore. Ricordiamo che la realizzazione di un vero acquario di barriera con metodo Berlinese (il metodo attualmente considerato più efficiente), non prevede nessun filtro biologico, ma solo l’ utilizzo di un potente schiumatoio).

Mobile
Il mobile è stato realizzato con profilati in alluminio anodizzato rivestito su tutti i lati (tranne quello frontale) con pannelli in pvc bianco dello spessore di 2 cm.

Successivamente la parte esterna sarà rivestita con pannelli di legno MDF laccato nero opaco, sul lato anteriore verranno montate tre antine apribili e sui lati corti della griglie in plastica per la ventilazione. Sulla base d’ appoggio è stato posizionato un foglio di neoprene adesivo di 1 cm.

Vasca
La vasca misura 165x70x65(h) (750 litri lordi), e stata realizzata con vetro molato lucido dello spessore di 15 mm. Non sono stati utilizzati tiranti nella parte superiore ma solo sul perimetro della base.

Per l’ incollaggio è stato utilizzato silicone nero.

Il troppo pieno 25x12x65 è stato realizzato in vetro opalina, all’ interno sono stati alloggiati lo scarico, la mandata, una delle due pompe di movimento (MaxiJet 1000) e uno dei due riscaldatori (VisiTherm 250 w). La parte interna è divisa da un pannello di vetro che permette il pescaggio dell’ acqua sia dalla superficie (pettine) che dalle grigliette posizionate a varie altezze.

1) Pettine
2) Grigliette
3) Mandata dal filtro
4) Mandata pompa di movimento

Filtro
Il filtro realizzato in vetro è stato posizionato sotto la vasca su dei pannelli di polistirolo. Comprende più zone; schiumatoi, percolatore, filtro meccanico/carbone, reattore di calcio, pompa, vasca rabbocco automatico.

Come schiumatoi sono stati utilizzati due Berlin Red Sea con due pompe Eheim 1060

1) Schiumatoi Berlin
2) Pompa Eheim 1060
3) Mandata al percolatore
4) Grata forata
5) Percolatore

Gli schiumatoi sono stati posizionati su di una struttura in vetro e collegati alla pompa con tubi in PVC ad incollaggio.

1) Schiumatoio
2) Pompa
3) Bocchettone

I due schiumatoi scaricano in un piccolo percolatore realizzato in vetro e caricato con biosfere. Il percolatore è stato previsto rimovibile, per poter passare in un secondo momento ad un metodo Berlinese puro.

La grata superiore del percolatore è stata realizzata con un pannello in pvc forato. Con una pistola termica possono venire piegati i bordi per consentire una più omogenea caduta dell’ acqua.

Il successivo filtro meccanico è costituito da un filtro in spugna e due filtri a fogli, subito dopo è stato creato un vano per l’ alloggiamento del carbone attivo e uno dei due riscaldatori (VisiTherm 250 w). Per la realizzazione del filtro a fogli sono state utilizzate delle piastre per sottosabbia e due pezzi di canalina elettrica.

  1) Foglio in lana sintetica
2) Grate sottosabbia
3) Canalina elettrica

Identificazioni delle parti

1) Filtro in spugna
2) Filtri a fogli
3) Vano riscaldatore e carbone attivo
4) Reattore di calcio artigianale
5) Pompa reattore (Eheim 1250)
6) Pompa mandata (Eheim 1060)
7) Interruttore galleggiante (Dupla) per rabbocco automatico
8) Interruttore galleggiante (RS) protezione pompe
9) Rubinetti
10) Mandata al reattore
11) Valvola di non ritorno
12) Mandata da vasca rabbocco
13) Portasonde
14) Scarico reattore
15) Aeratore (Shego ideal) vasca rabbocco
16) Mandata (alla vasca)

Reattore di calcio
Il reattore di calcio è stato realizzato artigianalmente, per vedere i dettagli consultare Fai da te

1) Pompa mandata (Eheim 1048) (non è stata utilizzata)
2) Pompa circolazione (Eheim 1250)
3) Colonna di contatto
4) Bombola CO2
5) Riduttore di pressione
6) Elettrovalvola
7) Spugna
8) Uscita acqua + CO2
9) Valvola di sfiato
10) Portasonda
11-12) Rubinetto
13) Contabolle
14) Ingresso CO2
15) Uscita acqua

Vasca rabbocco
La vasca per lo stoccaggio dell’ acqua osmotica è stata realizzata in vetro. Un’ aeratore (Shego ideal) collegato ad un timer ha il compito di tenere l’ acqua in movimento (15 minuti ogni ora).

Un interruttore galleggiante (Dupla) gestisce l’ impianto ad osmosi (Sireg) collegato all’ elettrovalvola della mandata dell’ acqua della rete.

Un altro interruttore galleggiante (RS) è collegato ad un led luminoso, si accende quando la vasca è quasi vuota. La pompa per la mandata al filtro è un Eheim 1048

1) Pompa Eheim 1048
2) Interruttore galleggiante (Dupla) elettrovalvola impianto ad osmosi
3) Interruttore galleggiante (RS) led luminoso “riserva acqua”
4) Impianto ad osmosi (Sireg)
5) Pietra porosa
6) Mandata al filtro
7) Aeratore (Shego Ideal)

Interruttori galleggianti
Come interruttori sono stati utilizzati due Dupla sugli automatismi che devono lavorare in assoluta sicurezza (rabbocco del livello dell’ acqua evaporata, e chiusura dell’ elettrovalvola dell’ impianto ad osmosi), e due RS su quelli meno importanti (spegnimento delle pompe, e led vasca di stoccaggio in “riserva”).

La regolazione in altezza viene effettuata facendo scorrere il tubo del 16 dentro un pezzetto di tubo del 20 “ristretto” a caldo

1) Tappo
2) Tubo del 16
3) Tubo del 20
4) Riduzione 20/32
5) interruttore galleggiante
1) Tappo
2) Tubo del 16
3) Tubo del 20
4) Riduzione 20/32
5) interruttore galleggiante

Per la costruzione artigianale di un interruttore galleggiante consultare la sezione Fai da te

 

Impianto idraulico
Per la mandata è stato utilizzato del tubo del 20 ad incollaggio.

1) Manicotto
2) Bocchettone
3) Valvola non ritorno
4) Rubinetti
5) Uscita al reattore di calcio
6) Pompa Eheim 1060

Per il terminale collegato alla pompa è stato utilizzato un tubo in gomma per evitare risonanze.

Per la parte terminale sono stati utilizzati due gomiti a 45° per poter dirigere il getto in qualsiasi direzione.

1) Gomiti a 45°
2) Bocchettone
3) Niplo/manicotto

All’ ugello è stata data a caldo una forma rettangolare.

Al posto della valvola di non ritorno, per impedire il ritorno dell’ acqua, è possibile utilizzare uno sfiato collegato alla fine della mandata dell’ acqua.

Per funzionare bene il tubicino deve essere abbastanza grosso (minimo 6 mm.)

Per lo scarico è stato utilizzato un tubo del 40 ad incollaggio.

1) Niplo/manicotto
2) Manicotto
3) Rubinetto
4) Gomito
5) Tubo forato
6) Calotta

Sulla parte terminale del tubo sono stati effettuati dei tagli con una sega circolare

Se non si desidera la vasca di troppo pieno all’ interno dell’ acquario, lo scarico si può realizzare anche in questo modo.

1) Calotta
2) Tubo forato
3) Manicotto
4) Niplo/manicotto
5) Rubinetto
6) T

L’ impianto della mandata della vasca di rabbocco è stato realizzato con tubo del 16 ad incollaggio.

  1) Pompa Eheim 1048
2) T
3) Tappo
4) Sfiato

Illuminazione
Come illuminazione è stata utilizzata una plafoniera Duplaelectra (2 HQI 150 W + 2 luci Dulux 24 W blu) collegata ad un timer digitale a due canali.

Impianto elettrico
Tutte le apparecchiature si collegano a tre ciabatte Gewis collegate ad una canalina nel lato posteriore interno del mobile.

Gli interruttori con led luminosi ed i timer del quadro elettrico sono ABB.

a) Pompa Eheim 1060 mandata
b) Pompe Eheim 1060 schiumatoi
c) Pompa Eheim 1250 Reattore di calcio
d) Pompa Eheim 1048 vasca rabbocco
e) Riscaldatori (2 VisiJet 250 W)
f) Elettrovalvola osmosi
g) Esclusione interruttore galleggiante elettrovalvola osmosi
h) Timer aeratore
i) Timer Elettrovalvola CO2
l) Timer pompe movimento (2 MaxiJet 1000) alternate.

All’ interno del mobile è stata installata una luce al neon.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*