Cosa mangiano i pesci: ve lo siete mai chiesti?

308

La domanda su cosa mangiano i pesci non può trovare risposta in uno specifico e generico cibo per pesci, come molti negozi specializzati faranno credere.

I pesci mangiano una grande varietà di cose. Tuttavia la loro dieta specifica dipende dal loro ambiente naturale, dall’ecosistema in cui vivono e da una serie di altre variabili.

Alcuni pesci sono dei pigri spazzini e mangeranno qualunque cosa trovino, mentre le diete di altri pesci consistono esclusivamente nel mangiare altre tipologie pesci.

I pesci generalmente rientrano in tre categorie: carnivoro, erbivoro e onnivoro.

Mentre molti umani fanno della loro dieta una scelta di vita, per esempio non mangiando carne o prodotti a base animale, ma non può essere una scelta per i pesci. Alcune specie necessitano di carne e altre no. Questo è in gran parte determinato dal loro ambiente, così come da caratteristiche specifiche: la loro bocca, i denti e l’apparato digerente.

In questo articolo spiegheremo cosa mangiano i pesci. Conoscendo e comprendendo di quale categoria i tuoi pesci d’acquario fanno parte, quali tipi di cibo dovrebbero mangiare, quanto spesso e quanto è essenziale se vuoi mantenere dei pesci sani.

Cosa mangiano i pesci e come dovresti nutrirli

I pesci hanno bisogno di proteine, carboidrati, grassi e alcuni minerali e vitamine. La quantità di ogni tipologia di cibo di cui hanno bisogno dipende dalla specie e dal fatto che siano carnivori, erbivori o onnivori. Iniziamo dai carnivori.

Carnivori

I carnivori richiedono una dieta ricca di proteine, costituita da un sacco di carne in forma viva o morta. Le specie includono Piranha, Ciclidi, Arowana, Betta, Killifish e Pesci pipa.

I carnivori di solito hanno una bocca più grande con denti appuntiti, che permettono loro di fare a brandelli la preda. Hanno anche tratti digestivi più corti e stomaci più grandi rispetto agli onnivori. La maggior parte dei pesci carnivori sono predatori naturali a cui piace cacciare, alcuni sono spazzini. In natura si nutrono di pesci vivi, insetti, larve e crostacei.

Tutti i pesci richiedono una certa quantità di proteine; tuttavia la dieta di un carnivoro dovrebbe essere composta dal 45% al ​​70% di proteine. Oltre alle proteine, questi pesci hanno bisogno anche di alcuni grassi per isolare il corpo e di piccole quantità di carboidrati che gli forniscano energia.

I pesci carnivori non possono gestire o digerire grandi quantità di carboidrati e quindi le piccole quantità di materia vegetale che mangiano saranno sufficienti.

Per replicare questo nel tuo acquario, puoi offrire ai tuoi pesci una varietà di cibi vivi e surgelati.

Cibo consigliato

Insetti

Lombrichi, i vermi bianchi, i vermi tubifex ei micro vermi sono disponibili in varietà vive e congelate e forniscono una buona quantità di proteine.

Bisogna essere consapevoli del fatto che alcuni vermi possono portare malattie a causa delle condizioni in cui sono stati allevati; devono essere sciacquati accuratamente e osservati per alcuni giorni in una vasca separata, prima di darli ai tuoi pesci.

Il vantaggio del cibo vivo è che nessuna delle sostanze nutritive viene persa e alcuni alimenti vivi come gamberetti e micro vermi possono essere allevati in casa.

Pesci

Puoi nutrire i tuoi pesci con una miscela di pesci vivi, surgelati e cotti. Alcuni pesci carnivori amano la caccia e quindi il pesce vivo può essere a loro utile per fare esercizio.

La maggior parte delle carni non sono adatte ai tuoi pesci perché hanno un alto contenuto di grassi, tuttavia puoi nutrirli con il cuore di manzo che non è grasso una volta tagliato, ma non esagerare!

Altro cibo vivo

L’Artemia è uno dei migliori alimenti vivi che puoi dare ai tuoi pesci. Se i gamberi vivi possono essere costosi, i gamberetti congelati sono più convenienti.

Anche Dafnie sono una scelta diffusa di cibo vivo, e anche se non sono ampiamente disponibili nei negozi, puoi trovarle nei Circoli di Pesca locali e iniziare ad allevare le tue.

Alimenti e integratori disidratati

Puoi anche nutrire i tuoi pesci carnivori con un certo numero di cibi disidratati e integratori; ne parleremo meglio nella sezione dedicata agli onnivori.

Erbivori

Gli erbivori consumano solo materiale vegetale; questo è più difficile da digerire rispetto alle carni. La loro dieta include grandi quantità di fibre, che sono difficili da digerire e quindi hanno un tratto digestivo più lungo rispetto ai carnivori.

La dieta di un pesce erbivoro consiste di piante, alghe, verdure e frutta. A differenza di un pesce carnivoro, non hanno un vero stomaco; è invece il loro intestino che digerisce il cibo. Per questo motivo hanno bisogno di mangiare più frequentemente.

Hanno denti piatti che li aiutano a macinare il cibo prima che lo inghiottiscano. Esempi di erbivori includono il Pesce chirurgo e il Pesce pappagallo.

Sono vitali per mantenere l’equilibrio ecologico all’interno delle barriere coralline, per tenere sotto controllo le alghe.

In natura, i pesci erbivori pascolano su piante, alghe e altre sostanze vegetali. In realtà ci sono pochissimi veri pesci erbivori; la maggior parte dei pesci ha bisogno di almeno una piccola quantità di proteine della carne.

Cibo consigliato

Piante e alghe

Posizionare un certo numero di piante e alghe vive nel tuo acquario è un buon inizio per nutrire i tuoi pesci, ma non dovresti fare affidamento solo su queste due opzioni.

I veri pesci erbivori tendono a soffrire negli acquari, perché semplicemente non c’è abbastanza materia vegetale naturale per nutrirli in modo appropriato, se si danno loro solo le opzioni di piante e alghe vive.

Dovresti anche dare loro wafer di alghe che completano la loro dieta e alimenti in fiocchi sviluppati per gli erbivori.

Verdura e frutta

Puoi nutrire i tuoi pesci con verdure sbollentate come zucchine, piselli, lattuga e spinaci.

Le verdure sono piene dei minerali e delle vitamine di cui hanno bisogno i pesci erbivori. Puoi anche nutrire il tuo pesce con piccole quantità di frutta, tra cui mele e pere.

Integratori e alimenti disidratati

Anche gli erbivori hanno bisogno di un certo numero di integratori; puoi leggere la sezione sottostante sugli onnivori per saperne di più.

Onnivori

Gli onnivori consumano carne e vegetali. Possiedono alcuni tratti del tratto digestivo sia di un carnivoro che di un erbivoro; come il Pesce pipistrello.

Sono probabilmente i più facili da curare come pesci, in quanto mangeranno una combinazione di tutti gli alimenti di cui sopra.

Tutte e tre le categorie di pesci richiedono vitamine e minerali nella loro dieta per promuovere una crescita sana. La maggior parte degli acquariofili completa la dieta dei pesci per garantire che tutti i requisiti nutrizionali siano soddisfatti.

In particolare hanno bisogno di:

  • Vitamina C per promuovere lo sviluppo delle ossa, la guarigione e la digestione.
  • Vitamina B2 e B6 per aiutare gli enzimi.
  • Vitamina B1 per favorire la ripartizione dei carboidrati.
  • Per quanto riguarda i minerali, richiedono calcio, fosforo e manganese.

Cibo consigliato

Puoi nutrire gli onnivori con gli alimenti nelle sezioni di carnivori e erbivori; gli onnivori però non richiedono tante proteine. Queste ultime dovrebbero costituire al massimo il 40% della loro dieta.

Alimenti commerciali disidratati

Molte persone scelgono di nutrire i loro pesci con cibo commerciale disidratato. Puoi nutrire i tuoi pesci carnivori con una selezione di cibi essiccati, tra cui scaglie, granuli, pellet e dischetti.

A seconda della posizione che occupa il pesce in acqua (in alto, in mezzo o in basso) dovresti prendere in considerazione diversi cibi secchi. Ad esempio, i fiocchi sono ottimi per la maggior parte dei pesci, ma soprattutto per quelli che mangiano nella parte superiore dell’acquario, mentre i dischetti sono in genere un alimento che affonda e si adatta ai pesci che mangiano sul fondo.

Dovresti sempre controllare gli ingredienti denominati “filler food”. Gli ingredienti sono sempre elencati in ordine di peso, quindi dovresti trovare quelli con ingredienti nutrienti in cima alla lista e meno carboidrati possibile.

Gli ingredienti tipici che si desidera trovare nei cibi pre-preparati includono farina di pesce, farina di gamberetti, farina di calamari, lombrichi e Spirulina.

Cibo per pesci fatti in casa

Forse uno dei modi migliori per assicurarti che i tuoi pesci stiano seguendo la migliore dieta possibile è quello di preparare il tuo cibo a casa.

È molto più facile di quanto sembri; puoi farne in in grandi quantità e ti farà risparmiare tempo e denaro.

Quanto spesso e quanto dovresti nutrire i tuoi pesci?

Semmai, è meglio dare da mangiare ai pesci troppo poco, invece che troppo spesso.

Se dai troppo cibo ai tuoi pesci ti potresti ritrovare tutta una serie di problemi, tra cui modifiche alla qualità dell’acqua, che a sua volta colpisce il pesce.

Non solo il cibo rimanente che è rimasto intatto inizia a marcire nell’acquario, ma i pesci che hanno mangiato troppo creano anche più sprechi. La sovralimentazione può anche causare: bassi livelli di ossigeno, marciume, fegato grasso, platelminti e filtri ostruiti.

Le cose principali da capire sulla sovralimentazione è che può influenzare le condizioni del tuo acquario e la salute dei tuoi pesci. Prima ne riconosci i segnali e di solito puoi rimediare cambiando la routine di alimentazione.

Come evitare la sovralimentazione dei pesci

I pesci si abituano spesso al fatto che quando qualcuno si avvicina all’acquario, verranno nutriti, quindi potrebbe sembrare che sembrino affamati se iniziano a nuotare davanti all’acquario quando vedono che ti avvicini. Di solito non lo sono – quindi non preoccuparti!

Quindi, quanto spesso e quanto dovresti nutrire il tuo pesce?

Tutto dipende dalle specie che hai. È importante ricordare che nel loro ambiente naturale, il pesce di solito pascola tutto il giorno piuttosto che avere un tempo di alimentazione impostato. È quasi impossibile replicarlo in acquario e quindi la maggior parte dei pesci dovrebbe essere nutrita due volte al giorno.

Anche il tipo di cibo che gli dai da mangiare è molto importante – dipende dalla razza specifica se hanno bisogno di cibo vivo, cibo a base vegetale, pellet o scaglie.

L’unico vero modo per scoprire quale sia la “quantità giusta” per i tuoi pesci è fare dei test. Inizia con piccole quantità di cibo e aumenta a seconda di quanto mangiano.

Come regola generale: dai loro da mangiare quello che possono terminare in 5 minuti, e quindi rimuovi il cibo rimasto per evitare che si sfaldi, alterando la qualità dell’acqua.

Ricordati di dare da mangiare in base alla quantità di pesci che hai, invece che rispetto alle dimensioni dell’acquario.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*