Controllo temperatura nanoreef

Controllo della temperatura in un nanoreef

371

Il nanoreef ha come filosofia di conduzione base la semplicità. Abbiamo già presentato due metodi che automatizzano il reintegro dell’acqua evaporata e spiegano come garantire la costanza di salinità dell’acqua nel nanoreef, i due articoli sono:

  1. “Osmoregolatore per gravità”
  2. “Costruiamo un osmoregolatore per nanoreef”.

Adesso presentiamo un piccolo controllore elettronico, che può aiutarci nella conduzione di un nanoreef.

D’estate oltre alla evaporazione dell’acqua della vasca dobbiamo sempre affrontare il problema delle temperature che diventano molto alte.

Molti organismi soffrono il problema sia del cambio di salinità (problema come già detto sopra già affrontato) che le alte temperature.

Ad esempio i Lysmata non tollerano a lungo temperature oltre i 30°C, in alcuni casi muoiono.

La stessa cosa vale per molti invertebrati sia molli che duri, anche se questi ultimi sono quelli che soffrono di più.

Molti usano per raffreddare il nanoreef delle ventole da computer, che hanno due difetti:

  1. fanno evaporare molta acqua
  2. è difficile controllarne l’accensione.

    Controllo della temperaturaFoto di Luca Pesce

Per l’evaporazione abbiamo già risolto, ora spieghiamo come risolvere il problema del controllo.

La soluzione più semplice è che all’accensione delle luci corrisponde l’accensione delle ventole.

Questo metodo presenta la due controindicazioni: non stiamo facendo un controllo sulla temperatura ed evapora una grande quantità di acqua.

Con il reintegro automatico cerchiamo di risolvere il secondo aspetto affrontandolo in modo non corretto, infatti dovremmo cercare di ridurre al minimo l’evaporazione e controllare effettivamente la temperatura.

Quello che serve a noi è un controllore in grado di rilevare la temperatura in vasca, quando questa sale oltre un certo livello il controllore deve accendere le ventole, quando la temperatura scende a valori più “naturali” spegnere le ventole.

Questo ciclo lo si può riassumere così:

Controllo temperatura nanoreef

In pratica si può regolare il punto di intervento (set-point) e il differenziale di intervento(vedere figura).

Facciamo un esempio pratico: voglio mantenere in vasca 27 °C.
Regolo il set-point su 27°C, il differenziale a 2° C; il regolatore se la temperatura nella vasca è sotto i 27°C non attiva nulla, se la temperatura sale oltre i 29°C (27+2) il regolatore chiude un contatto con cui accende i ventilatori fino a quando la temperatura non scende sotto i 27°C.

Il prodotto che abbiamo trovato è un semplice termostato digitale (anche disponibile nella versione fino a 4 stadi) è dotato di display dove è possibile impostare i parametri sopra elencati.

E’ dotato di Sonda di temperatura con due metri di cavo, inoltre può essere montato sulle scatole in plastica per i quadri elettrici e garantisce un grado di protezione IP54.

Controllo temperatura nanoreef
Inserire la sonda fino a dove è indicato con la linea Blu, mettere del silicone dove segnato in rosso per evitare che dell’acqua entri tra la sonda e il cavo elettrico.

Le dimensioni sono 70*70*30 mm, quindi è molto piccolo e lo si può anche mettere vicino alla vasca, inoltre è dotato di un “grande” display che visualizza la temperatura nella vasca  C’è un LED che indica l’accensione dei ventilatori o meno.

Sono diverse le versioni in commercio, perchè è possibile accendere a cascata più di una serie di ventilatori.

In nanoreef è sufficiente controllare l’accensione o meno dei ventilatori in un colpo solo.

Solo per informazione si potrebbero prevedere fino a 4 setpoint che potrebbero essere usati per accendere in cascata 4 ventilatori o 4 serie di ventilatori che così si attiverebbero solo alla effettiva esigenza della vasca: più fa caldo e la temperatura sale più accendiamo ventilatori.

Il prodotto lo si trova in vendita presso alcuni negozi che non trattano materiale di acquarologia, se siete interessati scriveteci (gabriele.andreoni at acquaportal.it)e vi forniremo alcuni indirizzi.

Ovviamente stiamo parlando un sistema, la ventilazione che non può fare miracoli. Meglio per raffreddare sarebbe un refrigeratore.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*