Aspira e Spazzola fai da te

202
Aspira e Spazzola fai da te alghe o sedimenti dai vetri o dalle rocce limitandone lo spargimento in vasca aspirandole e catturandole nella lana di perlon.
Avere questo aspiratore mi e’ stato utile da quando mi sono comparse le prime alghe filamentose sui vetri e sulle rocce  . Ho notato che con la calamita queste venivano via ma si depositavano sulle rocce attaccandosi e prosperando.Materiale necessario :
– 1 tubo in pvc rigido per canaline da elettricisti  diametro 16mm lunghezza 20 cm in piu’ della profondita’ della vasca
– 1 tubo flessibile in gomma lunghezza 1,5 metri diametro 15mm ( o comunque del diametro tale da incastrarsi all’interno del tubo rigido )
– 1 spazzolino con testina snodabile
– 1 bottiglia di plastica
– Lana di perlon
– 1 molletta
– 2 fascette
– Nastro isolante

1

Fissare lo spazzolino sul tubo in pvc con il nastro isolante , la testa dello spazzolino deve essere il piu vicino possibile al foro del tubo.

2

Incastare il tubo flessibile nel tubo in pvc , fare attenzione che sia ben incastrato o eventualmente fargli un giro di nastro.

3

Tagliare a meta una bottiglia di plastica e tenere la parte del tappo .

4

Incidere 2 cm il lato della bottiglia in modo che il tubo flessibile entri .

5

Fissare il tubo flessibile ad un supporto del mobile con le fascett2 e infilarlo dentro l’incisione della bottiglia.

6

Mettere della lana all’interno della bottiglia , e con una molletta attaccare il tutto al bordo della sump . ( fare attenzione che il peso dell’acqua non stacchi la bottiglia dal bordo , nel mio caso la faccio appoggiare allo scivolo ).
Innescare il risucchio avvicinando il tubo alla mandata della risalita e via di spazzolino .

7

Consiglio di fare movimenti lenti e avanti indietro di 4/5 cm facendo attenzione che tutto quello che spazzolate venga aspirato.


ATTENZIONE!
Negli articoli dedicati al fai da te vengono descritte esperienze di appassionati italiani che vogliono, unicamente a titolo dimostrativo, mostrarci e renderci partecipi dei loro risultati nella costruzione artigianale di accessori di acquariofilia.
Ricordiamo che molti progetti avendo a che fare con impianti elettrici e l’utilizzo di macchinari e strumenti di lavoro possono essere pericolosi, e che le modifiche apportate ad accessori già esistenti, rendono l’accessorio non più a norme CE e pertanto con la garanzia non più valida.
Nel caso qualcuno volesse ugualmente cimentarsi nella realizzazione di questi progetti, sia Acquaportal sia gli autori del progetto stesso non si assumono in alcun modo responsabilità in caso di incidenti o guasti di qualsiasi tipo essi siano. Nel caso di realizzazione ricordiamo infine che alcune lavorazioni necessitano di strumenti di protezione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*