allevare pesci tropicali

Allevare pesci tropicali per salvaguardare le specie selvatiche

1580

Raccogliere pesci tropicali per il mercato degli acquari sta decimando le specie selvatiche e rovinando le barriere coralline. I conservazionisti stanno sviluppando tecniche per allevare i pesci più ricercati in cattività per risparmiare i loro cugini selvatici.

Pesca con il cianuro

Un’industria ittica basata sulla cattura dei pesci vivi, spesso con l’aiuto di un veleno come il cianuro, è diventata molto controversa per il suo presunto impatto sull’ecosistema delle barriere coralline. Ora, collezionisti di pesci tropicali e scienziati coscienziosi sperano di alleviare le conseguenze del commercio degli acquari marini allevando i pesci ornamentali più richiesti.

Si catturano circa 30 milioni di pesci ornamentali all’anno. Virtualmente, tutti questi pesci sono presi in natura e la maggior parte proviene dalle Filippine e dall’Indonesia, dove molti collezionisti, usando un equipaggiamento da snorkeling, spruzzano cianuro nelle crepe dei coralli per stordire le loro prede colorate.

Il cianuro, però, uccide anche i coralli e altri numerosi invertebrati, pesci e animali microscopici. Le stime di mortalità variano, ma è molto probabile che milioni di creature muoiano per mano di collezionisti e importatori per ogni pesce selvatico catturato e venduto in un negozio specializzato di vendita al dettaglio. Anche in assenza di uso del cianuro, le attività di raccolta hanno decimato le popolazioni di pesci delle barriere coralline. Il pesce cardinale di Banggai, per esempio, è stato decimato dai collezionisti  nelle sue acque native dell’Indonesia ed è stato recentemente considerato come minacciato dal governo americano e c’è un dibattito aperto su come l’industria di raccolta delle Hawaii ha impattato le popolazioni costiere di pesci.

Le alghe rischiano di inghiottire le barriere coralline

Le barriere coralline nel mondo sono gravemente colpite dal cambiamento della chimica oceanica, a sua volta causata dai cambiamenti climatici, responsabili in particolare l’aumento delle temperature e l’acidificazione. La pesca con il cianuro può uccidere direttamente il corallo, mentre la pesca eccessiva può farlo indirettamente. Poiché molti pesci catturati allo stato selvatico – sia quelli destinati ai mercati alimentari che al commercio di acquari – mangiano la vegetazione algale, svolgono il ruolo biologico fondamentale di mantenere pulita la barriera corallina. Quando queste specie spariscono, il corallo può essere sopraffatto dalle alghe, che possono influire sulla capacità di riproduzione dei polipi corallini.

“Si può arrivare a barriere coralline ricoperte di alghe che non riescono più a riprendersi”, ha detto John Gorman, il capo curatore del Maui Ocean Center, un acquario di Wailuku che promuove l’allevamento in cattività di specie per acquari ed entro il 2020 spera di avere il 20% di pesci acquistati da impianti di acquacoltura. Nel 2014, Rene Umberger, attivista e regista di “For the Fishes”, con sede alle Hawaii, ha introdotto un’app per smartphone intitolata Tank Watch che elenca le oltre 50 specie di pesci di barriera che sono ampiamente disponibili attraverso programmi di riproduzione in cattività. L’idea è di aiutare i pescatori di pesci hobbisti a determinare se i pesci ornamentali nei negozi siano stati catturati in natura o allevati in cattività.

La sfida degli scienziati hawaiani

“Stiamo cercando di convincere gli hobbisti a comprare solo pesci allevati in cattività“, ha detto Umberger.

La lista “buona” di Tank Watch comprende varie bavose, pseudocromidi, ghiozzi, alcuni pesci cardinali e numerose specie e razze di pesci pagliaccio.

Tuttavia, circa 2.000 altre specie, tra cui l’ambito tang giallo, il tang blu, il Centropyge boylei, non sono coltivate commercialmente e rimangono gli obiettivi dei collezionisti, che hanno decimato le popolazioni e danneggiato le barriere coralline in tutto il mondo.

Per ridurre l’impatto della raccolta sulle barriere coralline negli oceani tropicali del mondo, gli scienziati stanno studiando come allevare specie di alto valore in vasca. L’Oceanic Institute della Hawai’i Pacific University, a Honolulu, sta tentando di allevare le i tang gialli.

Il centro di acquacoltura e risorse costiere della University of Hawai’i, a Hilo, si è concentrato sul Cirrhilabrus jordani e sul pesce angelo di Potter, entrambe specie endemiche delle isole hawaiane. Richard Masse, che ha codiretto il programma con la collega Sydney Gamiao, ha affermato che la riproduzione dei pesci è riuscita con successo e coerentemente alla sfida.

“Dobbiamo essere in grado di farlo non solo una volta, ma ancora e ancora, così che possiamo finalmente andare da un produttore commerciale e dire: ‘Ecco come lo fai,'”, ha detto.

Masse ha detto che per spingere i pesci a deporre e fecondare le loro uova richiede una specifica temperatura dell’acqua, così come pH, salinità e livello di luce ottimali, nonché abbinare i maschi giusti alle femmine giuste – tutte condizioni che variano da una specie all’altra.

Allevare pesci tropicali diventerà lo standard?

Le conseguenze di tale risultato potrebbero andare oltre “vendere solo pesci a negozi di pesci”, ha detto.

“Potremmo contribuire a salvare alcune specie dall’estinzione, o contribuire a ripopolare le barriere impoverite”, ha detto Hansen.

Umberger ha osservato che il potenziamento proficuo dei programmi di allevamento per i pesci della barriera corallina è solo una delle sfide nel rivoluzionare il commercio degli acquari. L’altra, ha detto, è educare il pubblico e generare la domanda di specie allevate.

“Ma molti hobbisti non sanno che questi sono di pesce selvatici”, ha detto Umberger. “Ancora non si rendono conto che questo è un problema.”

Mentre la scienza della riproduzione della maggior parte delle specie di barriera corallina “è ancora nei suoi stadi iniziali”, ​​ha detto Gorman, ritiene che l’allevamento in cattività finirà per diventare lo standard del settore.

“Questo è il futuro.”




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*