acquario di Gabriele Rossi

L’acquario di Gabriele Rossi

1261

Mi chiamo Gabriele Rossi ho 39 anni ed abito a Livorno.
Le mani in un acquario le ho messe per la prima volta all’età di 6 anni quando “pretesi” come regalo dai miei una vaschetta da 40 litri subito riempita di guppy e platy!
Da lì la passione iniziò a crescere e l’entusiasmo per tutto ciò che accadeva tra quei 5 non mi ha più abbandonato!

Successivamente allestii il mio primo “olandese” in cento litri…Si questa volta la priorità erano le ante quindi mi procurai un impianto per la somministrazione di co2,la vasca si presentava ricca di piante con pesci di piccole dimensioni quali rasbore e neon avreste contrasto e movimento!
A 18 anni mi concessi un 300 litri….che negli anni mi regalò svariate soddisfazioni tra cui la riproduzione di discus,scalari,ciclidi vari ed altri pesci!!
In questa vasca che ha avuto più volte travolgimenti di layout ho ricreato vari biotopi ma quello che più mi ha coinvolto è stato senza dubbio quello amazzonico!

Abbandonai il dolce per scoprire nuovi orizzonti nel 2012 quando mi decisi a passare al marino…quella che presi era una vasca 90x50x50 che grazie ai consigli dei più esperti diventò presto un gioiellino…la gestione era affidata al metodo berlinese con un’illuminazione data da 8 t5 da 39 W e una schiumazione affidata ad un h&s!
La rocciata era imponente e il movimento dell’acqua molto forte!
Presto i coralli arrivarono a toccare i vetri e le continue “potature” mi erano venute a noia…

Un anno e mezzo fa quindi mi decisi a comprare la mia attuale vasca un 110 X 55 X 55 con tre vetri extra chiaro ed uno satinato!
La vasca poggia su una struttura in alluminio coperta da pannelli di legno bianchi trattati!
L’acquario ha avuto qualche problema iniziale per trovare la giusta direzione ma ora il sistema sembra stabile ed i coralli godono di buona salute!
Per questa vasca ho deciso che la rocciata sarebbe stata minima ed è stato proprio questo fattore probabilmente che ha rallentato l’avvio del sistema!
La schiumazione è affidata ad un BK200 mentre l’illuminazione è garantita da un’ibrida led/t5 della Pacific Sun(10 ore di foto periodo di cui 30 minuti di alba e 30 di tramonto)
Doso qualche prodotto zeovit anche se non faccio uso di zeolite!

Cambio settimanalmente 20 litri d’acqua(se le condizioni meteo lo consentono mi approvvigiono di acqua di mare presa direttamente dalle scogliere della mia città).
Somministro oligoelementi mantengo in sump carbone attivo che cambio ogni mese,nutro coralli saltuariamente e pesci quotidianamente!
Mantengo stabile la triade grazie ad reattore di calcio Ultrareef mentre il movimento e la risalita sono dati da delle Jebao!


I pesci presenti sono un navarco,un centropyge,due pesci pagliaccio,una bavosa mentre tra i coralli presenti spiccano una grande milka, un’acropora echinata,un’acropora nobilis,una acropora valida tricolor oltre ad altri sps ed a qualche lps e coralli molli!
Concludo dicendo che a mio avviso per avere risultati nella gestione di una vasca di barriera dobbiamo attenersi a delle regole cardine che non sono tante ma sono imprescindibili!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*