acquario di Alessandro Di Stefano

L’acquario di Alessandro Di Stefano

564

acquario di Alessandro Di Stefano
Acquario,visione frontale, 29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

“Nature” è stata  concepita  con lo scopo di coniugare le esigenze degli invertebrati a quelle dei vegetali. Spinto dalla curiosità e dalla voglia di osservare con cura le più svariate forme di vita che si possono sviluppare in un acquario privo di fauna ittica decisi in un fredda giornata novembrina del 2011 di allestire un caridinaio fuori dagli schemi.

A quel tempo le risorse finanziare erano limitate e optai per una vecchia vasca utilizzata più e più volte,fedele compagna delle mie avventure nel mondo dell’aquascaping.

acquario di Alessandro Di Stefano
Acquario,visione laterale,29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

La vasca,rettangolare,misura 50cm di lunghezza e poggia su un vecchio mobile ad un’anta. Uno spesso strato di polistirolo separa il mobile dal vetro di fondo.

Il coperchio è stato rimosso fin da subito per permettere alle piante di emergere e per agevolare le operazioni di manutenzione.

Il filtraggio è  affidato ad un Eden 501 riempito seguendo le indicazioni della casa produttrice.

acquario di Alessandro Di Stefano

Nel primo vano attraversato dall’acqua  ho aggiunto un pugno di Seachem Matrix ,un buon prodotto ad elevata  porosità  capace di offrire un ulteriore supporto biologico se miscelato ai mini-cannolicchi già presenti  al momento dell’acquisto.

Con questa configurazione, complice il ridotto carico organico prodotto dai gamberetti  e dagli altri organismi che si sono sviluppati in modo spontaneo, la manutenzione del filtro si è ridotta ad una  strizzata trimestrale della spugna cilindrica nell’acqua del cambio con lo scopo di non intaccare le popolazioni batteriche presenti.

I tubi di mandata e di uscita così come le curve sono stati ricavati con un tubo di plexiglass piegato  a caldo e sagomato con trapano e pinza.


Adulti di Neocaridina davidi  var. Red Cherry su Riccardia chamedryfolia, 29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

L’illuminazione ,artigianale,è costituita da un unico tubo neon T8 Osram da 4000K da 15W munito di riflettore Juwel mentre la somministrazione di CO2 è affidata ad una bombola ricaricabile da 2 kg con adattatore e riduttore di pressione Askoll abbinato ad un Joint Glass e ad piccolo diffusore in vetro Music Glass Mini 10 D Do!Aqua.

Il fotoperiodo è di circa nove ore.Un piccolo termoriscaldatore impostato a 22°C completa l’attrezzatura tecnica.


Scorci ,29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

Fin dal principio decisi di non fertilizzare quotidinamente in colonna limitandomi ad un integrazione di potassio (1 ml di Seachem Flourish Potassium in dosaggio unico settimanale) e fosfato (tramite Clisma-lax) e di creare un acquario improntato su una gestione prettamente low, con piante dalle scarse esigenze e con esigui interventi di potatura.


Fig.8  Vernazione circinnata  ,29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

Il fondo è stato realizzato con una manciata di Akadama sistemata nella parte posteriore integrata a sua volta con delle sfere JBL e delle capsule Tropica mentre per la parte anteriore la scelta è ricaduta sul ghiaietto Nile Sand.

La scelta di utilizzare un fondo allofano di media granulometria si è rilevata azzeccata in quanto i rizomi della Bolbitis,assieme alle radici avventizie sono sprofondati  per diversi centimetri nel soffice terreno alla ricerca di nutrienti.

Ciò accade spesso in natura ove le felci si ancorano principalmente a rocce o tronchi marcescenti ma non disdegnano affondare i propri rizomi,quando possibile, nel terreno umido e lateritico.


Bolbitis heudolotii nel suo habitat naturale durante la stagione secca, Congo  (Foto: Bob Naser)

La granulometria media ha impedito ,d’altra parte, la formazione di zone anossiche o con scarsa circolazione d’acqua,aree queste in cui aumentano le probabilità di marcescenza a livello dei rizomi.

Alla base dei legni di ginepro,ben secchi e tenuti in ammollo per diverse settimane ho disposto infine un paio di kg di frammenti di rocce ottenuti da avanzi di Dragon stone ,frammenti che sono stati ricoperti  man mano dalla vegetazione epilitica.


Ginepro  (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

L’evoluzione del layout è stata molto lenta e mese dopo mese aggiungevo dei particolari cercando di dare un minimo di contenimento ai muschi che nel primo periodo prendevano con facilità il sopravvento sulle altre epatiche dalla crescita più lenta.

Come faccio ormai di consuetudine da almeno 5 o 6 anni ho lasciato galleggiare un ciuffo di Riccia fluitans nelle prime settimane per agevolare la maturazione della vasca.


Acquario,visione frontale,2011 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)


Acquario,visione frontale,28 Agosto 2012 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)


Acquario,visione frontale, 5 Novembre 2012 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)


Acquario,visione frontale, 20 Maggio 2013 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)


Acquario,visione frontale, 15 Settembre 2013 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

La flora è costituita da:

Bolbitis sp. ‘Prothallium, forma aploide della Bolbitis heudelotii
Bolbitis heudelotii
Microsorum pteropus ‘Trident’
Vesicularia montagnei ‘Christmas moss  Mini’
Taxiphyllum sp. ‘Spiky Moss
Riccardia chamedryfolia
Fissiden fontanus
Hymanesplenium obscurum (ex Asplenium cf. normale)


Riccardia chamedryfolia, 29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)


Scorcio sinistro, 29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

La fauna invece è costituita esclusivamente da un numero indefinito di Neocaridina davidi  var. Red Cherry (Klotz & Karge, 2013) (ex Neocaridina heteropoda e ancor prima Neocaridina denticulata sinensis var.Red).

L’assenza di pesci ha permesso lo sviluppo di una ricca microfauna tra cui sono riuscito ad identificare diverse specie di Ostracodi, Copepodi, Oligheti oltre che Planorbis planorbis,Acroloxus lacustris,Physa marmorata.L

e Neocaridine vengono alimentate a giorni alterni con alimenti secchi e surgelati: sera shrimps natural, jbl pleco tabs, piselli sgusciati e sbollentati, spinaci, bietola e chiromonus rosso.


Scorcio destro, 29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)


Adulti di Neocaridina davidi  var. Red Cherry,29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

I valori dell’acqua rilevati a metà fotoperiodo sono: pH:6,84 – GH: 6 – KH:4,5 – Conducibilità:263 uS/cm.

La manutenzione settimanale si limita ad un cambio d’acqua del 30% con acqua di rete decantata e biocondizionata ;all’occorrenza pulisco il vetro frontale con una scheda telefonica rigida ,rimuovo le foglie più vecchie delle felci ed alcune porzioni di muschio.

Da diversi mesi preferisco evitare interventi di potatura energici  o di contenimento ed è interessante osservare  le diverse strategie delle piante atte a preservare il proprio spazio vitale.

Degna di nota a tal proposito, la capacità della Riccardia chamedryfolia di riuscire ad aderire a delle piccole insenature tra i legni o alle fronde delle felci approfittando della vicinanza alla fonte luminosa per creare dei piccoli cuscini compatti sospesi, o della Bolbitis sp. ‘Prothallium’,  capace di far emergere alcune foglie per sfruttare appieno la maggior concentrazione di anidride carbonica presente nell’aria o ancora dell’ Hymanesplenium obscurum che produce (tramite sporangià) al termine dei mesi estivi un gran numero di piccole piante avventizie all’estremità di ogni pinna; piante che successivamente si distaccano dalla pianta madre per continuare a svilupparsi  impigliate qua e là nei muschi.


Scorci,29 Maggio 2014 (Foto:Alessandro C. Di Stefano)

Con la pubblicazione di questa vasca desidero esprimere gratitudine allo staff di Acquaportal per l’opportunità concessami  e ringraziare mia madre Loredana e mia sorella Adriana  per la loro pazienza e per il loro valido aiuto.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*