Cerca: Nel Sito      Nel Web   
 
  • Articoli Acquario Dolce

    Scopri l'incredibile e variopinto mondo dell'acquario d'acqua dolce!

    Clicca qui

    Articoli Acquario Dolce

    Centinaia di articoli consultabili in modo del tutto gratuito sul mondo dell'acquario d'acqua dolce.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli per iniziare
    • Articoli sulle piante
    • Articoli sulle riproduzioni
    • Aquascape e molto altro
  • Articoli Acquario marino

    Scopri l'incredibile e variopinto mondo dell'acquario d'acqua marina!

    Clicca qui

    Articoli Acquario Marino

    Centinaia di articoli consultabili in modo del tutto gratuito sul mondo dell'acquario d'acqua marina.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli per iniziare
    • Articoli sui coralli
    • Articoli sulle alghe
    • Nanoreef e molto altro
  • Gli Acquari Made in Italy

    Scopri gli acquari piu' belli d'Italia, la tecnica, gli animali e la gestione.

    Clicca qui

    Gli Acquari Italiani

    In questa sezione troverai tutti gli acquari del mese pubblicati su AcquaPortal da quando è in rete e cioè dal 1999.

    Una carrellata completa di bellissimi acquari d'acqua dolce e marina.

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Acquari Marini
    • Acquari Dolci
    • Le tecniche di gestione
    • Foto fantastiche
  • La Tecnica in Acquario

    Scopri i segreti per usare e sfruttare al meglio gli accessori per l'acquario.

    Clicca qui

    La Tecnica in Acquario

    In questa sezione potrai leggere tantissimi articoli riguardanti la tecnica in acquario sia dolce che marino.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli sulla gestione
    • Articoli su prodotti
    • Articoli su illuminazione
    • Trucchi e molto altro
  • Fai da te in Acquario

    Scopri come realizzare da solo acquari, accessori, lampade e molto altro.

    Clicca qui

    Fai da te

    Sei un amante del "fai da te"? In questa sezione troverai moltissimi articoli su come realizzare da solo e a basso costo la parte tecnica di un acquario.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Costruire un acquario
    • Costruire una plafoniera
    • Costruire un reattore
    • E molto, molto altro!
Aggiungi ai preferiti
20 Aprile 2014
 
Directory
   Acquari Pubblici (24)    Associazioni (35)
   Portali (63)    Siti Aziende (78)
   Siti Didattici (28)    Siti Dolce (155)
   Siti Grossisti (16)    Siti Marino (144)
   Siti Negozi (80)    Vendita on-line (120)
Segnala il tuo sito >>

Link utili
Acquariomania - Macerata
Specializzato in Ciclidi africani - Vendita on line
Aquarium 2000 - Brescia
Visita uno dei piu' grandi negozi della Lombardia
Progettinelblu.com
Vendita on-line delle migliori marche! Visita il negozio.
impianti osmosi acquario
 
 

    I Botia di Patrick Egger     Segnala l'articolo ad un amico     Stampa questa pagina    


Il Botia pagliaccio, Chromobotia macracanthus, è sicuramente uno dei pesci d’acquario più amati e diffusi in tutto il mondo. Anche da noi, in Italia, diverse specie di Cobitidi, in prima linea il Botia pagliaccio, vengono offerte regolarmente sul mercato. Purtroppo tante specie vengono allevate in maniera sbagliata ed inadeguata. Per prevenire questo fatto e dare un po’ più di informazioni su questi bellissimi ed interessantissimi pesci ho scritto questo articolo.

Sistematica:

Il sottordine dei Cobitoidei fa parte dell’ordine dei Cypriniformes. Lo dividiamo in due famiglie,i Cobitidae e i Botiidae. In tutti i membri troviamo delle spine sotto gli occhi. Anche i Noemacheilinae e i Gastromyzonini fanno parte di questo grande gruppo.

Il Botia pagliaccio è stato descritto per la prima volta dal medico olandese Bleeker nel 1852. Veniva chiamato Cobitis macracanthus. Più tardi la specie è stata trasferita nella famiglia Botia. Il nome Botia proviene dal indiano “Bottia”, dove tutti i pesci che vivono sul fondo vengono chiamati cosi.

Perciò sarebbe più corretto pronunciare Botia e non Bozia, come sarebbe corretto se fosse latino.

Nel anno 2004 Kottelat ha trasferito la specie nel genere Chromobotia per via dei colori cosi differenti dalle altre specie.


Biotopo naturale in Asia in periodo di acqua bassa.

Specie:

Chromobotia macracanthus

Si tratta della specie più comune e sicuramente anche più appariscente di tutto il gruppo. In natura può raggiungere più di 30cm, in acquario invece difficilmente supera i 25cm. La maggior parte dei Botia allevati in acquario raggiungono una taglia intorno ai 17-20cm. Considerando però che si tratta di un pesce molto robusto di corporatura, una femmina di 25cm supera alla grande il peso di 1kg.

I luoghi di origine del macracanthus sono le isole Sumatra e Borneo. Mentre gli esemplari della prima isola sono molto accesi di colori, gli esemplari del Borneo sono molto più scuri con poco rosso/arancione nelle pinne, che anzi sono spesso quasi nere. Infatti quasi tutti gli esemplari che noi teniamo nelle nostre vasche provengono da Sumatra. Prima o poi forse qualche ittiologo li dichiarerà due specie diverse, chissà?

Gli esemplari adulti vivono nei grandi fiumi nella giungla. Per deporre le uova migrano lungo i fiumi, anche piccoli, nelle zone inondate. Gli avannotti restano nelle zone inondate dove trovano facilmente mangime a base di piccoli insetti. Man mano che l’acqua si ritira,con una taglia media di 3cm i piccoli passano nei piccoli fiumi dove possono crescere in esemplari semiadulti. Essendo ormai abbastanza forti, migrano nei fiumi grandi dove hanno più possibilità di trovare cibo adeguato.

Non si conosce con esattezza l’età nella quale depongono la prima volta in natura. Osservando gli esemplari in acquario, si pensa che raggiungono la maturità sessuale intorno ai 2 anni e con una taglia di 12-15cm.

Purtroppo ancora non si riesce a riprodurre questo bel pesce regolarmente in acquario. Solo dopo iniezioni di ormoni si ottengono delle deposizioni. Riproduzioni naturali nell’acquario sono molto rare. Per questo motivo tutti i macracanthus che si trovano nelle nostre vasche sono di cattura naturale.

L'acqua è molto limpida e sotto le foglie secche i Cobitidi trovano riparo.

Esemplari adulti sono protetti dal governo e non possono essere esportati. I soggetti più piccoli, di solito delle misure di 2-3cm, vengono catturati specialmente di sera con delle stecche di bambù. Le stecche vengono depositate nell’acqua poco sotto la vegetazione della riva. Con pochi cm di diametro riescono entrare solo i pesci di taglia piccola.

Lungo il fiume Slungai Pijoan a Sumatra vivono più o meno 40 famiglie che vivono delle pesca della macracanthus. Nel periodo della pioggia l’acqua è molto torbida con un ph di 6,5 e nei fiumi più grandi sale pure su ph 7. Nel periodo secco il ph scende intorno ai 5.La temperatura è intorno ai 25-27gradi.

Visto che ogni anno vengono catturati in grande quantità questi pesci, la popolazione naturale sta diminuendo e di conseguenza i pescatori guadagnano di meno. Per questo motivo ormai catturano di notte i piccoli avannotti appena schiusi che galleggiano nell’acqua aperta. Sicuramente catturando gli avannotti si salvano molti più esemplari rispetto a quando devono vedersela da soli con i predatori naturali.

Sono necessari alcuni mesi per raggiungere la taglia di 2/3cm, poi vengono venduti a grossisti in Cina o, spesso, a Singapore.

I piccolini sono molto delicati e hanno bisogno di acque molto pulite di una temperatura intorno ai 27gradi. Sono molto sensibili agli attacchi di Ichtyphtirius, ovvero la malattia dei puntini bianchi, anche perché, come tutti i Botia, hanno pelle delicata e priva di squame.



Dalla città di Jambi a Sumatra, la capitale dell’esportazione dei Botia, vengono esportati ogni anno intorno ai 3 milioni di esemplari in tutto il mondo.

Viaggi lunghi, mangimi non adeguati e acquari non molto puliti dai grossisti o negozianti indeboliscono molto il piccolo corpo di questo pesce e cosi spesso arrivano molto magri e esausti nel acquario del cliente finale. Anche li spesso non trova condizioni ideali per vivere bene:temperature troppo basse, acque pieno di germi e concorrenza da altri pesci. Una quantità enorme di Chromobotia muoiano cosi ogni anno.

Nell’età giovanile è un pesce che ama la compagnia, vuol dire che preferisce a vivere in un gruppo di almeno 5-6 esemplari. Da adulto diventa un po’ più territoriale e ogni soggetto chiede un suo proprio nascondiglio. Considerando le notevoli dimensioni che raggiungono, acquari non inferiori ai 300litri sono necessari come alloggio fisso.

Come alimentazione mangiano molto volentieri larve di zanzare rosse/bianche/nere, Mysis, Artemia e gamberetti di vari tipi. Anche scaglie di buona qualità e pastiglie da fondo integrano la dieta. Verdura come piselli, zucchine e peperoni rossi possono arricchire la dieta e cosi si evita che vengono danneggiate le piante.

Salute:

Tutti i membri della famiglia sono molto delicati contro ectoparassiti. Spesso portano Ichtyophtyrius, comunemente chiamato la malattia dei puntini bianchi. La cura deve essere fatta con attenzione e prolungata nel tempo per evitare recidive. Inoltre, essendo sempre specie di cattura, portano spesso dei parassiti interni.


Altre specie che si possono trovare in commercio:

Botia almorhae(Botia lohachata)
Questo Botia diventa fino a 20cm e vive in India e Bangladesh. Si tratta di un Botia abbastanza pacifico che si trova regolarmente in commercio. Come pesce di gruppo preferisce la compagnia e per via delle notevoli dimensioni ha bisogno di almeno 300litri d’acqua.

Botia dario
Specie ormai anche regolarmente in commercio raggiunge solamente 6-7cm. Se vengono allevati solamente uno o due esemplari, spesso diventa molto aggressivo verso altri pesci. Per questo si consiglia di allevare un gruppo di almeno 6-7esemplari.


Botia dario

Botia histrionica
Cresce fino a 10-11cm,abbiamo a che fare con una specie pacifica e molto bella. Anche essa da allevare almeno in 5-6 esemplari.

Botia striata
Simile di comportamento come B. dario, è fondamentale allevare un gruppetto per evitare che diventa aggressivo verso altri pesci. Proviene dall’India e raggiunge i 13-14cm

Botia rostrata
Raggiunge i 20cm, si tratta di una specie pacifica che vive molto volentieri in gruppo da 5-6 esemplari. Non è molto diffusa nell’acquario e proviene da Cina, Bangladesh e India.

Botia udomritthiruji
Endemica nel fiume Tenasserim in Myanmar (Birmania), si tratta di una specie molto rara che è stata importata solo poche volte in Europa. E’ stata scoperta per la prima volta nel 1993 e descritta nel 2007. Raggiunge circa 15cm di taglia ed è una Botia estremamente affascinante che non dovrebbe essere allevata singolarmente o in coppia.


Botia udomritthiruji


Yasuhikotakia modesta
Specie molto varia di colore, raggiunge anche 25cm e non deve essere allevata singolarmente. Come C. macracanthus mantiene una forte gerarchia. Anche essa è capace di fare versi molto forti che spesso si sentono al di fuori dall’acquario.

Yasuhikotakia morleti
Specie che con 6-7cm rimane abbastanza piccolina, vive in acque non molto movimentate in Thailandia. Nonostante sia regolarmente reperibile nel commercio, anche sotto il nome Botia horae, si sa purtroppo poco sulle abitudini in natura.

“Yasuhikotakia” nigrolineata
Questa e la seguente specie prima o poi saranno sicuramente trasferite in una famiglia a parte. Sono molto differenti dalle altre specie della famiglia. Si tratta di una specie che raggiunge 8-9cm e vive in Cina. Preferisce temperature non molto alte, intorno ai 20-25 gradi.


Gruppo di giovani Yashuhikotakia sidthimunki e un esemplare di Yunnanilus sp.Myanmar.

“Yasuhikotakia “ sidthimunki
Specie che vive in Cambogia, Laos e Thailandia. E’ quasi estinta in libertà. Ormai vengono riprodotte in certe quantità in laghetti artificiali,spesso sotto cure ormonali. Spesso viene confusa con la nigrolineata.
Si tratta di una specie altamente carismatica che raggiunge i 7-8cm e che vive bene a temperature intorno ai 25-28gradi. L’esemplare più vecchio vissuto da me in acquario ha raggiunto l’età di 18 anni.
È consigliabile di allevare questa specie almeno in 5-6 esemplari per vedere il bellissimo comportamento.

 

Vuoi discutere con altri appassionati di acquariofilia? Vai sul forum di AcquaPortal
E' la community di acquariofilia più grande d'Italia e centinaia di persone ti potranno aiutare velocemente per il meglio. Iscriviti subito!

Vuoi approfondire l'argomento acquariofilia? Niente di meglio di un buon libro!
Visita NeoGea la libreria on line delle scienze e della natura.



Copyright © AcquaPortal.it
E' vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso dell'autore.


Contattaci | Chi siamo | Dove siamo | Copyright | Privacy | Esenzione Sondaggi   
vendita ingrosso pesci tropicali
Vendita libri animali
allevamento australian shepherd, pastore australiano
Libri sui cani
forum cani, cinofilia, cinofilo
Rivista specializzata on-line sull'acquariofilia - Reg. Trib. di Milano N. 42 del 23/01/2008 - Direttore responsabile Marco Rosetti - Copyright © AcquaPortal Communication S.R.L - Tutti i diritti riservati