Cerca: Nel Sito      Nel Web   
 
  • Articoli Acquario Dolce

    Scopri l'incredibile e variopinto mondo dell'acquario d'acqua dolce!

    Clicca qui

    Articoli Acquario Dolce

    Centinaia di articoli consultabili in modo del tutto gratuito sul mondo dell'acquario d'acqua dolce.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli per iniziare
    • Articoli sulle piante
    • Articoli sulle riproduzioni
    • Aquascape e molto altro
  • Articoli Acquario marino

    Scopri l'incredibile e variopinto mondo dell'acquario d'acqua marina!

    Clicca qui

    Articoli Acquario Marino

    Centinaia di articoli consultabili in modo del tutto gratuito sul mondo dell'acquario d'acqua marina.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli per iniziare
    • Articoli sui coralli
    • Articoli sulle alghe
    • Nanoreef e molto altro
  • Gli Acquari Made in Italy

    Scopri gli acquari piu' belli d'Italia, la tecnica, gli animali e la gestione.

    Clicca qui

    Gli Acquari Italiani

    In questa sezione troverai tutti gli acquari del mese pubblicati su AcquaPortal da quando è in rete e cioè dal 1999.

    Una carrellata completa di bellissimi acquari d'acqua dolce e marina.

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Acquari Marini
    • Acquari Dolci
    • Le tecniche di gestione
    • Foto fantastiche
  • La Tecnica in Acquario

    Scopri i segreti per usare e sfruttare al meglio gli accessori per l'acquario.

    Clicca qui

    La Tecnica in Acquario

    In questa sezione potrai leggere tantissimi articoli riguardanti la tecnica in acquario sia dolce che marino.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli sulla gestione
    • Articoli su prodotti
    • Articoli su illuminazione
    • Trucchi e molto altro
  • Fai da te in Acquario

    Scopri come realizzare da solo acquari, accessori, lampade e molto altro.

    Clicca qui

    Fai da te

    Sei un amante del "fai da te"? In questa sezione troverai moltissimi articoli su come realizzare da solo e a basso costo la parte tecnica di un acquario.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Costruire un acquario
    • Costruire una plafoniera
    • Costruire un reattore
    • E molto, molto altro!
Aggiungi ai preferiti
30 Maggio 2016
 
Directory
   Acquari Pubblici (24)    Associazioni (35)
   Portali (63)    Siti Aziende (78)
   Siti Didattici (28)    Siti Dolce (155)
   Siti Grossisti (16)    Siti Marino (144)
   Siti Negozi (82)    Vendita on-line (120)
Segnala il tuo sito >>

Link utili
Acquariomania - Macerata
Specializzato in Ciclidi africani - Vendita on line
Aquarium 2000 - Brescia
Visita uno dei piu' grandi negozi della Lombardia
Progettinelblu.com
Vendita on-line delle migliori marche! Visita il negozio.
impianti osmosi acquario
 
 

    Distributore automatico di fertilizzante di Eugenio Pulvirenti     Segnala l'articolo ad un amico     Stampa questa pagina    


Questo progetto può essere utile a chi vuole automatizzare, la fertilizzazione nell’acquario d’acqua dolce, o la somministrazione di determinati oligoelementi nell’acquario marino. Il principio di funzionamento è l'inverso delle locomotive a vapore: un movimento rotatorio viene trasformato in uno oscillatorio. In pratica, il disco di un timer, ruotando, spinge lo stantuffo della siringa su e giù; quest’ultima, infine, viene collegata ad un meccanismo a pompa. Per inciso, la parte relativa al timer, l’ho ripresa da un sito internet, l’altra è "farina del mio sacco". Questo progetto, rispetto a molte altre soluzioni presenti in internet, ha i seguenti vantaggi:

E’ pratico e di non difficile realizzazione.

E’ economico. La spesa principale riguarda un timer giornaliero di tipo meccanico.

E’ privo di rischi da eccesso di somministrazione. Se vengono rispettate le precauzioni, in caso di malfunzionamento, al massimo si può ridurre o bloccare l’erogazione.

Prevede una lenta cessione. La somministrazione, non avviene in pochi secondi, ma in diverse ore. La quantità erogata va da 0 a 1 ml circa.


Materiale necessario

1 timer giornaliero, meccanico (le immagini successive si riferiscono ad un timer della GBC cod.49.6930.150).

2 dosatori (recuperabili da contenitori di sapone liquido per le mani).



Le valvole vere e proprie, sono 2 mini sfere di acciaio che, per gravità, tengono chiusi i fori degli attacchi, ed impediscono all'acqua(aria e fluidi + o - viscosi) di scendere, ma non di salire.

Minuteria che ho utilizzato, vale a titolo orientativo (utilizzate quello che vi trovate a casa)



N° 1 Uno spezzone di profilato in allumino a "C", misure cm 8 x cm 2, adatto a contenere la siringa.
N° 2 Una siringa da 2,5ml-5 ml(acquistabili in farmacia a 0,25 euro). Per una somministrazione di circa 10-12 gocce, quella da 2,5ml, dovrebbe essere più che sufficiente.
N° 3 Una staffa ad "L", misure lato corto cm 2,5 e lato lungo cm 3,5, larghezza cm 1,5.
N° 4 Un pezzetto di plastica rigida(meglio ancora della basetta per stampato) misure cm 5,5 x cm 1.
N° 5 Un bulloncino da mm 3 x 16.
N° 6 Tre bulloncini da mm 3 x 10.
N° 7-8 Sei dadi da 3mm e rondelle relative al 5 e 6.
N° 9 Una rondella da 3,5 - 4 mm
N° 10 Due viti x legno, lunghezza 1 cm.
N° 11 Due dadi da 4mm.
N° 12 Un pezzetto di classico tubo per acquariofilia (quello rigido verde), circa 4 cm.

Realizzazione

I Fase

Prendete il profilato di alluminio n°1 e praticate un foro da 3mm, a circa 1,5 cm dall’ estremità, poi, con un seghetto, praticate un taglio trasversale, a circa 5mm dall’esterno, in modo da poter inserire le "alette" della siringa.

Incastrate le alette, si fissa definitivamente la siringa, con del nastro adesivo.

Nel lato corto della staffa n°3, al centro, praticate un foro da 3mm, e due fori da 3mm sul lato lungo, a circa 5mm dall’estremità(distanza tra i fori 10mm, vedi fig 9). Utilizzate, il bulloncino n°6, la rondella n°9, tra profilato e staffa, poi rondella n°8, dado e contro dado n°7. Stringete, in modo che la siringa possa oscillare liberamente. Con una tenaglia, tagliando l’estremità della siringa, realizzate una specie di rettangolino, e praticate un piccolo foro trasversale. Fate passare una graffetta e con una pinza create un piccolo anello.

Alla fine dovreste avere qualcosa di simile alla fig3.


Fig 3.


Fig 4.

II Fase

Prendete il timer e svitate le 4 viti posteriori; tolto il coperchio dovreste trovare qualcosa di simile alla fig4. La parte del disco è ad incastro. Per smontarla, dovete fare leva nei quattro punti segnati dalle freccie, facendo particolare attenzione a non rompere le linguette in plastica indicate in giallo. Aiutatevi con un piccolo cacciavite. Sollevata delicatamente la copertura, dovreste trovare qualcosa di simile fig5..

Segnatevi la posizione degli ingranaggi e toglieteli, per il momento. Il componente indicato dalla freccia, presenta qualche difficoltà al momento della chiusura, si può anche levare(in questo modo però, rinunciate alla funzionalità propria del timer).

Adesso dovete forare la parte superiore del timer, vedi fig 6-7. Praticate 2 fori da 3mm distanti tra loro 10 mm, al centro, distanti dalla parte inferiore 10 mm.


Fig 5


Fig 6


Fig 7


Fig 9


Fig 7


Fig 10

III Fase

Facendo delicatamente leva sulle linguette segnate in fig10, spingete la parte centrale verso l’esterno. Una volta sganciata, avrete 3 pezzi fig11


Fig 11

Prendete il disco orario e praticate, in posizione centrale, 2 fori da circa 2mm, in corrispondenza delle 12/24 Fig 12.


Fig 12

Potete utilizzare una pinza e un chiodo riscaldato su una fiamma, ma fate attenzione, perchè, se troppo caldo, si rischia di deformare, irrimediabilmente, la circonferenza interna.

Quindi prendete il n° 4 e le viti n° 10 della fig2, e praticate i due fori corrispondenti al disco orario, della larghezza giusta, per le viti legno. Sempre sul n° 4 praticate una scanalatura da 3mm x 15 mm, inserite la vite lunga n°5, le rondelle n°8 e i due dadi n°7, in modo da avere un perno rigido. Utilizzate i due dadi n° 11, come due distanziatori(per compensare lo spessore della vite n°5). Vedi Fig13 –14


Fig 13


Fig 14

Verificate che la siringa sia in asse con la staffa, in particolare tra il suo gancio e il perno. Fig15

Smontate quello che avete appena avvitato, posizionate tutti gli ingranaggi al loro posto(mettete un pò di grasso) ed iniziate a rimontare il timer(senza mettere il "tappo" per il momento) secondo questa sequenza: figg.16-17-18


Fig 15


Fig 16


Fig 17


Fig 18

Ora potete montare il tappo, messo in linea, basta spingerlo.Verificate che il disco orario giri perfettamente e senza particolare sforzo, quando viene agganciata la siringa. Il pistone sale e scende, e la siringa oscillando deve poter assecondare il movimento del disco.

IV Fase

Adesso prendiamo i dosatori, vedi Fig1. Sono classiche pompette a molla. Vanno smontate completamente, togliendo il beccuccio fate attenzione a non perdere la sferetta di acciaio all’interno. Aiutatevi con un grosso cacciavite come in Fig19


Fig 19

Della prima, dovete eliminare la molla che non serve; all'interno il pistoncino deve rimanere fermo(tanto c'è la siringa che funge), bastano alcune goccie di super attack.

A metà circa praticate un foro, per l'innesto del tubo rigido n°12, infine, mettete un pò di attack, vedi fig20.

Della seconda, tolta la molla, dovete semplicemente bloccare con un pò di attack il pistoncino, quindi va unita alla prima, sfruttando gli incastri tra lo stesso tubicino in dotazione, indicato in a, e del tubicino b, più piccolo(rimediato da un normale spruzzino) vedi figura fig21. Lo stesso tubicino b inseritelo nell’attacco superiore, così non si corre il rischio di perdere la sferetta. In entrambi casi, non forzate il tubicino b fino in fondo altrimenti bloccate le sferette.

Nota: funziona anche con una sola pompetta, la seconda serve a fissare meglio il numero di goccie in fase di taratura.


Fig 20


Fig 21

Adesso potete fare i collegamenti. Consiglio di tagliare con un cutter l’attacco dell’ago, quindi, inseritelo con un pò di attack nel tubo e poi innestatelo nella siringa.


Fig 22


Fig 23

Per controllare l’erogazione, consiglio di utilizzare piccoli contenitori, così potete verificare meglio, il graduale svuotamento del serbatoio.


Fig 24


Fig 25

Risultato finale figg. 24-25: da notare, le due pompette "impilate", CHE DEVONO STARE NECESSARIAMENTE IN VERTICALE, e il contenitore in vetro che assicura una maggiore stabilità e nasconde all’interno la pompetta inferiore.

V Fase

Il sistema è autoinnescante. Basta girare, manualmente, il disco; verificate che non ci siano più bolle d’aria. Per riempire il tubo, che va dalla pompetta alla siringa, staccatelo, per un attimo, da questa. Quindi, sollevando il contenitore, per caduta, il tubo, inizierà a "sifonare".

Per fare la taratura iniziale, girate molto lentamente il disco e controllate il numero delle gocce che escono dal tubo in alto. Per diminuire il numero delle gocce, bisogna spostare il perno della fig14, verso il centro, viceversa, per aumentarle. Purtroppo è necessario, verificare, che tale taratura manuale, corrisponda a quella automatica (occorrono 24 ore, armatevi di pazienza!). Quest’ultima, generalmente, è leggermente inferiore, è dipende da tanti fattori, in primis dalla lunghezza e dall’ "elasticità" dei tubi utilizzati per i collegamenti.

Per stabilire i tempi di erogazione, procedete in questo modo:

Girate, molto lentamente, il disco e segnatevi quando cade la prima goccia, nel mio caso, alle 24.

Poichè mi interessa l’erogazione, a partire dalle 11 del mattino, sommerò 13 ore, al momento della programmazione del timer. Esempio: ore 17,00, regolo il timer come se fossero le 6,00(17+13=30 cioè 24+6). Risultato: ogni giorno, tra le 11 e le 19, verranno erogate 10 gocce.

PRECAUZIONI (Banali, ma meglio ribadirle.......)

Il tubo di uscita, deve stare, sempre, ad un livello più alto, rispetto al contenitore/serbatoio, pena, un effetto sifone, e quindi un sovradosaggio sicuro.

Evitate assolutamente, schizzi d’acqua al timer, tanto per ricordare va a 220 volts. Assicuratevi, che l’attacco della siringa, sia ben fisso, per evitare che fuoriuscendo dell’acqua, si crei un rischio di folgorazione. Se va messo ad una presa a muro, inseritelo con la siringa rivolta verso il basso.

Nel timer prerso in esame, e anche nella maggior parte dei modelli simili, le viti, in metallo, da inserire, saranno ben lontane dai collegamenti elettrici. Tuttavia, vi sono modelli di timer compatti, dove questo spazio non esiste, quindi, in tali casi, evitate di procedere.

AVVERTENZE

L’autore non si assume alcuna responsabilità, per i danni diretti e/o indiretti a persone e/o cose, derivanti dalla realizzazione del presente progetto.

 

E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso dell'autore.


Contattaci | Chi siamo | Dove siamo | Copyright | Privacy | Esenzione Sondaggi   




Vendita libri animali
allevamento australian shepherd, pastore australiano
Libri sui cani
forum cani, cinofilia, cinofilo
Rivista specializzata on-line sull'acquariofilia - Reg. Trib. di Milano N. 42 del 23/01/2008 - Direttore responsabile Marco Rosetti - Copyright © AcquaPortal Communication S.R.L - Tutti i diritti riservati