Cerca: Nel Sito      Nel Web   
 
  • Articoli Acquario Dolce

    Scopri l'incredibile e variopinto mondo dell'acquario d'acqua dolce!

    Clicca qui

    Articoli Acquario Dolce

    Centinaia di articoli consultabili in modo del tutto gratuito sul mondo dell'acquario d'acqua dolce.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli per iniziare
    • Articoli sulle piante
    • Articoli sulle riproduzioni
    • Aquascape e molto altro
  • Articoli Acquario marino

    Scopri l'incredibile e variopinto mondo dell'acquario d'acqua marina!

    Clicca qui

    Articoli Acquario Marino

    Centinaia di articoli consultabili in modo del tutto gratuito sul mondo dell'acquario d'acqua marina.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli per iniziare
    • Articoli sui coralli
    • Articoli sulle alghe
    • Nanoreef e molto altro
  • Gli Acquari Made in Italy

    Scopri gli acquari piu' belli d'Italia, la tecnica, gli animali e la gestione.

    Clicca qui

    Gli Acquari Italiani

    In questa sezione troverai tutti gli acquari del mese pubblicati su AcquaPortal da quando è in rete e cioè dal 1999.

    Una carrellata completa di bellissimi acquari d'acqua dolce e marina.

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Acquari Marini
    • Acquari Dolci
    • Le tecniche di gestione
    • Foto fantastiche
  • La Tecnica in Acquario

    Scopri i segreti per usare e sfruttare al meglio gli accessori per l'acquario.

    Clicca qui

    La Tecnica in Acquario

    In questa sezione potrai leggere tantissimi articoli riguardanti la tecnica in acquario sia dolce che marino.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Articoli sulla gestione
    • Articoli su prodotti
    • Articoli su illuminazione
    • Trucchi e molto altro
  • Fai da te in Acquario

    Scopri come realizzare da solo acquari, accessori, lampade e molto altro.

    Clicca qui

    Fai da te

    Sei un amante del "fai da te"? In questa sezione troverai moltissimi articoli su come realizzare da solo e a basso costo la parte tecnica di un acquario.

    Visita la sezione dedicata cliccando sulla scritta "Visita sezione".

    Visita Sezione

    Cosa troverai...

    • Costruire un acquario
    • Costruire una plafoniera
    • Costruire un reattore
    • E molto, molto altro!
Aggiungi ai preferiti
19 Settembre 2014
 
Directory
   Acquari Pubblici (24)    Associazioni (35)
   Portali (63)    Siti Aziende (78)
   Siti Didattici (28)    Siti Dolce (155)
   Siti Grossisti (16)    Siti Marino (144)
   Siti Negozi (80)    Vendita on-line (120)
Segnala il tuo sito >>

Link utili
Acquariomania - Macerata
Specializzato in Ciclidi africani - Vendita on line
Aquarium 2000 - Brescia
Visita uno dei piu' grandi negozi della Lombardia
Progettinelblu.com
Vendita on-line delle migliori marche! Visita il negozio.
Animal House Discount
Prezzi bassi, ricambi, tutto per il tuo acquario!
impianti osmosi acquario
 
 

    Laghetto per pesci rossi di Gabriele Andreoni     Segnala l'articolo ad un amico     Stampa questa pagina    

Non tutti hanno la fortuna di avere un giardino bello grosso, però se siete così fortunati eccovi in poche parole qualche consiglio per farsi un piccolo angolo di paradiso.

Il laghetto nel giardino può essere un ottimo modo per unire la passione per il giardinaggio e quella per i pesci. Quando decidiamo di costruirci un laghetto abbiamo diverse possibilità: dal comprare un vasca in vetro resina, all’autocostruircelo; noi scegliamo l’ultima ipotesi che lascia più libertà nel scegliere la forma e di sicuro, a lavoro terminato, dà molte più soddisfazioni.
Prima di tutto bisogna scegliere dove costruirlo: non deve essere un posto troppo esposto al sole che causerebbe, tra l’altro, troppa evaporazione, diciamo che intorno alle 6 ore di irraggiamento dovrebbero essere sufficienti, ma non deve neanche essere un posto troppo vicino ad alberi o piante a fusto alto che con le loro foglie potrebbero riempire la superficie e andare ad inquinare l’acqua.
La sistemazione delle piante intorno al perimetro assume quindi una importanza rilevante: infatti le piante non devono essere troppo vicine, ma neanche troppo lontano perché possono essere anche usate come riparo naturale dagli agenti atmosferici per proteggere il laghetto e tutto quello che contiene.
Bisogna avere la possibilità di poter girare intorno al laghetto per eventuali manutenzioni della vasca oppure potatura delle piante; nel costruire il nostro laghetto potremmo anche provvedere alla installazione di una pompa e di un filtro che ci garantiscano la possibilità di ripulire l’acqua. La presenza di una pompa e di un sistema di ricircolo dell’acqua ci dà la possibilità di aggiungere anche una piccola cascatella in un angolo che rende ancora più bello il laghetto. Proprio per questo motivo durante la progettazione è buona norma prevedere un pozzetto dove eventualmente poter installare questi accessori, perché non è detto che non ne avremo bisogno, anzi è meglio installarli per essere sicuri che tutto funzioni al meglio.
La posizione del laghetto dovrebbe essere anche tale da garantire un facile svuotamento totale, in questi casi sarebbe meglio prevedere un tubo collegato a qualche scarico sufficientemente grosso da assorbire la quantità d’acqua del nostro laghetto.
Scelto il posto, bisogna scegliere la forma del laghetto e di conseguenza le sue dimensioni finali. Partiamo dicendo che almeno 6 -7 m2 di superficie sarebbero consigliabili compatibilmente con lo spazio disponibile, adesso incominciamo a segnare il perimetro che delimiterà il laghetto.
Nel fare la buca del laghetto, dobbiamo tenere conto dello scarico sopra citato per lo svuotamento dell’acqua quindi dobbiamo fare in modo che il fondo sia leggermente inclinato verso questo tubo. La profondità del laghetto può variare tra i 70 e 100 cm in modo da garantire sufficiente spazio ai pesci in caso di formazione del ghiaccio sulla superficie, ma anche in modo tale da garantire un margine di sicurezza nel caso malaugurato di cadere nel laghetto in questo modo le persone che non sanno nuotare con 100 cm di altezza non dovrebbero avere problemi, comunque portiamo sempre particolare attenzione.
Scavata la fossa passiamo ora alla costruzione delle pareti e del fondo, in questo caso dobbiamo considerare la formazione di ghiaccio durante l’inverno, quindi sarebbe meglio avere le pareti leggermente inclinate in modo da permettere al ghiaccio che si forma di potersi espandere verso l’alto e non premere sulle pareti laterali.
Se per caso dovessimo costruire le pareti verticali possiamo costruirle come mostrato in figura, in modo da garantire un appoggio quando decidiamo di osservare più da vicino i pesci, comunque almeno una delle pareti dovrebbe esser inclinata per il motivo sopra citato


Disegno di Gabriele Andreoni.

Sulla parete inclinata, possiamo prevedere delle specie di terrazze che ci permettano di bloccare i vasi delle piante che noi inseriremo nel laghetto, un esempio si trova nella figura sotto.  


Disegno di Gabriele Andreoni.

Con queste terrazze possiamo creare anche diversi tipi di habitat con acque più o meno profonde: partiamo vicino alla riva con una zona non molto profonda poi possiamo scendere a gradini fino al fondo. Possiamo pensare di posizionare le piante o su queste terrazze laterali oppure sul fondo con dei vasi abbastanza grossi da bloccare la pianta oppure in appositi contenitori che abbiamo preventivamente costruito sul fondo.
Possiamo provvedere, durante la costruzione, a predisporre sul fondo dei blocchi per assicurarci i vasi in seguito. Una nota che può sembrare banale: assicurarsi di avere nelle vicinanze una fonte da cui attingere facilmente l’acqua come per esempio un rubinetto con una bella canna come quelle che in genere viene usata per annaffiare le piante.
Importantissimo è anche il tubo per il troppo pieno, poiché il laghetto sarà riempito anche dall’acqua piovana e dobbiamo prevedere dei periodi di piogge intense, se non vogliamo trovarci il giardino allagato, possiamo procedere in due modi diversi. O mettiamo un tubo che passi il fondo del laghetto e scarichi al di sotto di questo...


Disegno di Gabriele Andreoni.

Oppure possiamo prevedere uno scarico laterale: sarebbe meglio adottare entrambe le soluzioni in modo tale da garantire il corretto funzionamento dello scolo delle acque piovane.


Disegno di Gabriele Andreoni.

L’unico accorgimento che dobbiamo avere è quello di farsì che l’imboccatura del tubo sia ad un livello inferiore del bordo della vasca: in caso contrario il troppo pieno funzionerebbe troppo tardi. Comunque per la costruzione sarebbe meglio che ci avvalessimo di persone qualificate in quanto bisogna ottenere la perfetta impermeabilità del fondo.
Costruito il nostro laghetto, abbiamo la possibilità di creare un ottimo habitat per i nostri pesci.
Lasciamo alla nostra sensibilità artistica la quantità e la disposizione delle piante, non possiamo neanche dare suggerimenti sul tipo di piante, comunque nei negozi si può avere una vasta scelta di piante che si adattano a tutte o quasi le esigenze di temperatura . Possiamo solo dirvi che si può partire scegliendo delle Ninfee arrivando al Cerathphyllum che noi acquariofili conosciamo già bene, quindi abbiamo la possibilità di introdurre dei bellissimi fiori.


Ninfea Lotus. Foto di Frederick Schang.

Incominciamo a parlare dei pesci, è solo con l’introduzione di questi ultimi che il laghetto sembra animarsi.

Nell’inserire i pesci nel laghetto dobbiamo tenere anche conto della loro capacità di saltare e quindi prevedere nella costruzioni, dei bordi abbastanza alti. Per il nostro clima all’aperto vanno benissimo alcune razze di pesce rosso, tra queste la varietà più comune risulta essere quella che si adatta di più. Questo pesce è meglio tenerlo in gruppo (come capita nell’acquario) perché soffre la solitudine, in più, se sta in gruppo, abbiamo la possibilità di farlo riprodurre. Anche la carpa Koi è un ottimo pesce da laghetto, questo pesce tende ad assumere sempre colorazioni diverse e questo li rende più belli rispetto al pesce rosso.
Il bello di queste due razze e che con il tempo tendono a riconoscere chi gli dà da mangiare e quindi gli vanno incontro quando lo vedono: sono pesci che si affezionano.
La scelta di avere pesci nel nostro laghetto non è stata fatta per sola passione da acquariofilo, ma anche perché i pesci entrano nel suo ciclo di vita. Le piante che noi abbiamo messo producono attraverso la fotosintesi una serie di prodotti tra cui l’ossigeno, se abbiamo i pesci sono questi che lo consumano e che a loro volta con il loro metabolismo aiutano le piante nel loro ciclo.
I pesci cedono anidride carbonica all’acqua e le piante la riassorbono; è un ciclo continuo.
Quindi un laghetto ben avviano non è solo bello da vedere, ma è proprio un vero piccolo mondo subacqueo molto più completo rispetto ad un acquario che non può di certo raggiungere il volume di acqua di un laghetto.

Bibliografia: "pesci rossi " di H. de Jong, ed. Primaris

 

E' assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso dell'autore.


Contattaci | Chi siamo | Dove siamo | Copyright | Privacy | Esenzione Sondaggi   
vendita ingrosso pesci tropicali
Vendita libri animali
allevamento australian shepherd, pastore australiano
Libri sui cani
forum cani, cinofilia, cinofilo
Rivista specializzata on-line sull'acquariofilia - Reg. Trib. di Milano N. 42 del 23/01/2008 - Direttore responsabile Marco Rosetti - Copyright © AcquaPortal Communication S.R.L - Tutti i diritti riservati