errori più comuni degli acquariofili principianti

8 errori più comuni degli acquariofili principianti

789

Nell’articolo di oggi esamineremo gli 8 errori più comuni degli acquariofili principianti. È importante capire quali sono e come evitare di commetterli per proteggere i pesci.

L’acquariofilia è un hobby fantastico e può richiedere molti anni per essere padroneggiato. All’inizio è facile commettere errori.

Dalla sovralimentazione dei pesci e dai tipi di acquario sbagliati, ai cicli di azoto; come principiante, puoi farti prendere troppo dall’entusiasmo all’inizio.

Ci sono anche molti miti sull’acquariofilia in giro: come il pesce che cresce solo in proporzione alle dimensioni dell’acquario e il Pesce gatto che lo manterrà pulito.

Quindi abbiamo pensato di condividere gli 8 errori più comuni degli acquariofili principianti.

Errore 1: cominciamo dall’acquario…

Forse uno degli errori più comuni degli acquariofili principianti è comprare il loro acquario in anticipo.

Questo è una cosa da non fare assolutamente.

Potrebbero vedere un acquario usato su eBay per € 25 ed essere molto tentati! Così, decidono di acquistare l’acquario e poi, in seguito, pensano a quale tipo di pesci vorrebbero.

Questo è l’approccio sbagliato.

Ogni specie di pesce richiede un ambiente molto specifico in cui vivere. A un livello base, si hanno acquari di acqua dolce o salata. È quindi possibile avere requisiti più specifici come dimensioni, filtraggio e riscaldamento.

Se acquisti prima il l’acquario, puoi potenzialmente depennare molti tipi di pesce, perché quell’acquario non sarà adatto.

Come evitare questo errore?

Dovresti sempre iniziare a pensare prima ai pesci che vuoi tenere.

In questo modo, puoi selezionare un acquario adatto per loro.

Ad esempio, se vuoi solo tenere degli Oscar, generalmente avrai bisogno di un acquario da almeno 380 litri.

Se hai già acquistato un acquario usato da 150 litri, non saresti in grado di tenere gli Oscar e avresti sprecato i tuoi soldi per un acquario troppo piccolo.

Errore 2: mischiare pesci incompatibili

Come principiante, puoi essere perdonato se pensi che tutti i pesci siano amichevoli e possano vivere in armonia l’uno con l’altro.

Presto capirai che non è così.

Ad esempio, se hai messo un Gramma loreto con uno Pseudochromis paccagnellae, avrai sicuramente dei problemi. In effetti, sarai fortunato ad avere ancora due pesci vivi dopo averli messi nello stesso acquario.

Questo è il motivo per cui quando acquisti pesci per il tuo acquario devi sempre verificarne la compatibilità.

Alcuni pesci sono così aggressivi che non puoi nemmeno averne due della stessa specie che vivono insieme (ad esempio, i Betta).

Non solo alcuni pesci sono incompatibili a causa dell’aggressività, ma possono anche essere incompatibili a causa dell’ambiente in cui devono vivere.

Esempio

Non potrai mettere assieme un Oscar con un Gramma loreto. Questo perché questi ultimi richiedono acqua salata, mentre gli Oscar richiedono acqua dolce.

Come evitare questo errore?

La maggior parte dei negozi di animali avrà una lista di compatibilità che è possibile controllare prima di acquistare i pesci. In caso contrario, assicurati di controllare online che le specie di pesci siano compatibili prima di visitare il negozio.

Errore 3: non capire il ciclo dell’azoto

Oltre a nutrire troppo i pesci, non attuare in modo corretto il ciclo dell’azoto dell’acquario è il più grande assassino di pesci per gli acquariofili hobbisti.

Ciò che generalmente accade è che il ciclo dell’azoto si blocca, a causa della mancanza di batteri benefici; questo causa un accumulo di ammoniaca e può essere letale per i tuoi pesci.

Quando i pesci creano rifiuti, causano un accumulo di ammoniaca all’interno dell’acquario. I batteri benefici quindi frantumano questa ammoniaca e creano nitriti.

Sfortunatamente il nitrito è anche tossico per i pesci, quindi ancora una volta i batteri benefici sono necessari per trasformare il nitrito in nitrato.

A questo punto, quando i livelli di nitrati aumentano, è necessario eseguire un cambio d’acqua, poiché i batteri benefici non possono decomporre il nitrato.

Quello che vedi in questo ciclo è un picco e un calo dell’ammoniaca, che diventa poi nitrito e infine nitrato.

Il tuo compito è garantire che questo ciclo venga mantenuto e continui attraverso batteri benefici e cambi d’acqua.

Come evitare questo errore?

Per completare un ciclo di azoto è necessario batteri benefici nell’acquario.

Dovresti testare l’acqua ogni settimana e quando il livello di nitrato aumenta, cambiarla.

In genere cambierai l’acqua ogni 1-2 settimane. Ma non tutta l’acqua! Vedi Errore 5.

Errore 4: acquisto di un acquario “starter”

Anche se non si può definire un errore assoluto, è uno degli errori più comuni degli acquariofili principianti. Per la prima volta i proprietari di pesci compreranno generalmente un acquario molto piccolo, solo per verificare se si divertono con l’hobby.

Questa è una buona cosa.

È un modo economico per le persone di iniziare a tenere dei pesci. Gli acquari di grandi dimensioni possono essere molto costosi e complessi da installare, cose che possono essere scoraggianti per un principiante.

Quindi un piccolo acquario è un buon inizio.

Tuttavia, lo sbaglio sta nel fatto che le persone comprano un piccolo acquario, ma lo riempiono di pesci che hanno bisogno di un acquario più grande. Un classico esempio di questo è il Pesce ventosa.

Pensano che quando il pesce crescerà, acquisteranno un acquario più grande e lo sposteranno. Tuttavia, in realtà, ciò accade raramente.

Le persone sono occupate e raramente sostituiscono il l’acquario.

Poi, prima che tu possa accorgertene, avrai 4 Oscar in un acquario da 150 litri. Gli Oscar vivranno, ma la reclusione li danneggerà e ne ridurrà drasticamente la durata della vita.

Come evitare questo errore?

Se hai intenzione di tenere dei pesci che necessitano di un grande acquario, acquistalo subito della misura giusta. Non cadere nella trappola di comprarne uno più piccolo ora con l’intenzione di sostituirlo in un secondo momento.

Se non ti puoi permettere un grande acquario adesso, ti consiglio di selezionare un altro tipo di pesce che possa essere comodamente inserito in un acquario che puoi permetterti ora.

Errore 5: sostituzione di tutta l’acqua dell’acquario

Un altro degli errori più comuni degli acquariofili principianti è quando si tratta di pulire l’acquario. Durante la fase di pulizia rimuovono tutta l’acqua dal loro acquario.

Grosso errore!

Questo quasi certamente ucciderà i tuoi pesci.

Ricordi il ciclo dell’azoto?

Se cambi troppa acqua in una volta, distruggi i batteri benefici e l’ecosistema che si è creato nella vasca.

Senza questi batteri benefici creerai un picco di ammoniaca, che è tossica per i tuoi pesci.

Come evitare questo errore?

Invece di rimuovere tutta l’acqua, dovresti rimuovere solo circa il 15% -20% dell’acqua contenuta nel tuo acquario.

Questo aiuta a mantenere sia il livello del pH, sia la temperatura entro soglie sicure per i pesci e mantiene i livelli di nitrati entro una soglia di sicurezza.

Inoltre, ricorda di trattare la nuova acqua prima di aggiungerla al tuo acquario. È possibile utilizzare un condizionatore d’acqua per rimuovere sostanze chimiche dannose dell’acqua di rubinetto, come il cloro.

Infine, assicurati di testare i parametri chiave dell’acqua (pH, ammoniaca e nitrati) prima e dopo ogni cambio di acqua.

È possibile farlo utilizzando un kit di test dell’acqua.

Errore 6: credere al mito “il pesce si adatterà alla grandezza dell’acquario”

errori più comuni degli acquariofili principianti

Forse l’errore più grande che un principiante può fare è credere al mito che:

“Il pesce crescerà solo in proporzione alla dimensione dell’acquario”.

Sono sicuro che questa è una delle prime cose che la maggior parte delle persone “impara” quando tiene dei pesci…

Sfatiamolo una volta per tutte: è completamente falso! I pesci non crescono solo in proporzione alla dimensione dell’acquario.

Quindi da dove viene questo mito?

Credo che questo mito sia nato da una generalizzazione sui pesci rossi. È opinione comune che i pesci rossi crescano in proporzione alle dimensioni dell’acquario in cui sono collocati. Ciò è parzialmente vero.

I pesci rossi sono noti per avere una crescita indeterminata; questo significa che continuano a crescere fino alla morte. Tuttavia, quando sono collocati in un piccolo acquario, con acqua di scarsa qualità, la loro crescita è compromessa.

Quindi “sembrano” adattarsi alle dimensioni del serbatoio, ma in realtà la loro crescita è deviata e la loro salute è gravemente danneggiata.

Le persone traspongono quindi questo mito del pesce rosso a tutti i tipi di pesce, pensando che tutti cresceranno adattandosi alle dimensioni dell’acquario.

Di nuovo, non è vero.

Tutto ciò che sta realmente accadendo è che la crescita dei tuoi pesci è compromessa e stai danneggiando in modo permanente la loro salute.

Come evitare questo errore?

Devi assicurarti che il tuo acquario sia abbastanza grande per i pesci che scegli! Cerca accuratamente le specifiche esigenze dei pesci e assicurati di aumentare le dimensioni dell’acquario se ne acquisti in banchi.

Errore 7: acquistare l’acquario e i pesci nello stesso momento

I negozi di pesci più rinomati non ti permetteranno di fare questo errore.

Tuttavia, un negozio di animali più generico, o fiere con bancarelle di pesci, potrebbero consentire che ciò accada.

Prima di posizionare il pesce nell’acquario, è necessario assicurarsi che il tuo acquario abbia batteri benefici. Questi batteri benefici sono necessari per creare il ciclo dell’azoto, di cui abbiamo parlato prima.

Senza questo, i tuoi pesci moriranno sicuramente a causa di un picco di ammoniaca. Per lo meno, è necessario attendere 2-3 giorni prima che l’acquario sia sicuro per i pesci.

Quindi, per garantire la salute dei tuoi pesci, devi prima preparare l’acquario e poi, una volta adatto a ospitare i pesci, puoi portare i pesci a casa. È possibile verificare se l’acquario è pronto eseguendo un test dell’acqua.

In molte fiere è comune che un pesce rosso venga distribuito come premio. A meno che tu non abbia un acquario già pronto, è molto probabile che il pesce rosso morirà quando lo porterai a casa, perché l’acqua non sarà pronta.

Come evitare questo errore?

Chiaramente l’unico modo per evitare questo è di acquistare un acquario adatto in anticipo.

È quindi possibile introdurre batteri benefici e continuare a monitorare e misurare i parametri chiave dell’acqua (cioè pH, ammoniaca e nitrato).

Una volta che l’acquario è pronto, puoi introdurre i pesci nel tuo acquario.

Errore 8: Sovralimentazione

Ecco il più gettonato tra gli errori più comuni degli acquariofili principianti.

Senza dubbio, sovralimentare i pesci è la causa più comune di morte. Può essere difficile per i principianti non sovralimentare i loro pesci, perché sembrano sempre affamati!

E nel loro habitat naturale, i pesci trascorrono lunghi periodi della loro giornata alla ricerca di cibo.

Perché sovralimentarli è così sbagliato?

Il motivo principale è perché crea uno spreco eccessivo. Prima di tutto, il cibo non consumato rimarrà nell’acquario e creerà rifiuti. E in secondo luogo, un aumento dei rifiuti prodotti dai pesci è innescato da una maggiore assunzione di cibo.

Questo eccesso di rifiuti può causare cambiamenti mortali nella composizione chimica dell’acqua nel tuo acquario. Inoltre, quando il pesce mangia troppo, può avere problemi di salute, come il fegato grasso e la digestione sbagliata.

Come evitare questo errore?

Una buona regola è quella di dare da mangiare ai pesci solo quello che possono mangiare tranquillamente entro 5 minuti.

Puoi decidere se dar loro da mangiare questa quantità in un’unica volta o se distribuirla su 2 o 3 volte al giorno.

Tuttavia, è necessario assicurarsi che il tempo di alimentazione totale non superi i 5 minuti.

Riassumendo: evita di fare gli errori più comuni degli acquariofili principianti

Speriamo che spiegare questi errori più comuni degli acquariofili principianti ti impedirà di farli quando inizi ad avere dei pesci tuoi.

Senza dubbio i tre errori più comuni sono la sovralimentazione, credere che il pesce che si adatti alle dimensioni dell’acquario e non comprendere il ciclo dell’azoto.

Se ricordi queste tre cose fondamentali, inizierai il tuo hobby col piede giusto.

Infine, assicurati che prima di iniziare tenere dei pesci, tu abbia studiato a fondo l’argomento e scelto le specie di pesci che vuoi tenere.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*